Santa LuciaPresenta

Vellutata di zucchine

Ricetta creata da Galbani
Vellutata di zucchine
Santa Lucia. Lo spirito creativo di Galbani.
Vota
Media0

Presentazione

La ricetta che vi proponiamo di realizzare è una minestra gustosa e soffice: la vellutata di zucchine, una pietanza di origine francese molto delicata. Il diffuso ortaggio, grazie alla sua versatilità in cucina, ben si presta alla creazione di piatti raffinati come questo, ottimale per cene eleganti che conquista tutti con la sua consistenza cremosa e delicata.

La nostra speciale versione di questa ricetta prevede l'impiego del Burro Santa Lucia. Il brodo impiegato per la realizzazione di questo piatto può essere di carne, di pesce, di dado o vegetale a seconda della ricetta che seguirete. Completano la ricetta originale ingredienti semplici come i tuorli d'uovo e la panna.

Questo piatto è perfetto anche per una cena in famiglia in una sera d'inverno, per scaldare lo stomaco con la sua cremosità unica. Ma la vellutata di zucchine può essere gradevole anche per una cena con amici in estate perché può essere servita calda o fredda e manterrà sempre la sua natura morbida e sfiziosa.

Con una ricetta davvero semplice, potrete cucinare un piatto versatile, che si presta benissimo per essere accompagnato anche da altri ingredienti: potete per esempio unirvi del formaggio, oppure aggiungere dei cereali come il riso o dei legumi come i ceci per rendere il suo sapore più goloso. Esistono molte versioni per questa vellutata, che potrete personalizzare a seconda dei vostri gusti e delle vostre esigenze, rendendola ogni volta nuova e deliziosa. Scoprite come preparare la vellutata di zucchine in soli quattro passaggi e come cucinarla al meglio: ecco tutti i consigli e le varianti.

Facile
4
65 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

  1. 600 g di zucchine
  2. 30 g di Burro Santa Lucia Galbani
  3. 1 bicchiere d'acqua
  4. 2 cucchiai di farina
  5. 2 dl di panna
  6. 1/2 l scarso di brodo di dado
  7. 2 dl di latte
  8. 2 tuorli d'uovo
  9. sale q.b.
  10. crostini di pane abbrustoliti

Preparazione

Accompagnata da crostini di pane abbrustolito, questa pietanza sarà una vera e propria letizia per il vostro palato e per quello dei vostri commensali.

01

Per realizzare la vellutata di zucchine dovete prima di tutto lavare e mondare le zucchine, quindi tagliatele a dadini o a rondelle con un coltello affilato, dopodiché mettetele in una casseruola.

02

Unite anche un bicchiere d'acqua e un po' di sale. Coprite il tutto con un coperchio e lasciate cuocere la preparazione per 25 minuti circa a fuoco basso. Trascorso il tempo indicato spegnete la fiamma e scolatele dall'acqua, poi tritate le vostre zucchine ormai morbide nel mixer.

03

Ad operazione conclusa fatele insaporire nel Burro Santa Lucia imbiondito con la farina. A questo punto, sempre mescolando, versate il latte e, dopo 5 minuti di ebollizione, unite anche il brodo. Aggiustate di sale e, mescolando ancora, continuate la cottura lentamente per 30 minuti.

04

Nel frattempo prendete una ciotola e mettete al suo interno i tuorli d'uovo, quindi unite la panna. Infine versate il composto nella vellutata. Spegnete subito il fuoco e continuate a mescolare per qualche minuto. Servite la vostra preparazione con i crostini di pane che avrete abbrustolito a parte.

Varianti

Tra le minestre a base di ortaggi, la zuppa di zucchine si distingue per essere particolarmente delicata, sia nei colori che nel sapore. Vi state chiedendo come poter modificare la ricetta? Ecco qualche idea.

Se volete regalare al frullato di zucchine una consistenza più croccante, potete aggiungere dei dadini di pancetta o speck rosolati in padella con un filo d'olio. Se invece volete ottenere un composto particolarmente cremoso, provate la versione con lo yogurt o con la ricotta al posto della panna.

Potete preparare la crema di zucchine anche con l'aggiunta di altre verdure, come per esempio i piselli, il cavolfiore bianco, i broccoli oppure la zucca: sono tutte proposte perfette per l'autunno e la primavera, alle quali potrete dare ancora più profumo utilizzando dosi a piacere di erbe aromatiche come il timo, e spezie, tipo foglie di menta, zenzero fresco o pepe nero appena macinato. Utilizzate le spezie anche per decorare i piatti prima di servirli: qualche fogliolina di menta al centro regalerà subito un aspetto più sofisticato alla vostra vellutata.

Se preferite una versione più semplice, potete preparare una vellutata con zucchine e patate. Vi basterà lessare sul fornello i due ingredienti, quindi frullateli insieme e aggiungete un cucchiaio di olio extravergine di oliva per condire. Le patate renderanno la vellutata ancor più cremosa e delicata. Se desiderate insaporirla un po', potete preparare un soffritto con dello scalogno tritato da aggiungere dopo che avrete frullato gli ortaggi.

Per una versione più raffinata invece, potete unire alle zucchine degli asparagi e dei gamberi scottati. Mettete da parte le punte degli asparagi una volta che li avrete lessati, e utilizzateli per decorare il piatto una volta che avrete versato la vellutata, quindi completate con un gambero al centro, precedentemente scottato in padella. Per aggiungere un po' di aroma potete utilizzare una spezia particolare e dal sapore deciso come la curcuma, oppure optare per qualche fogliolina di menta che regalerà un sapore goloso e sfizioso a tutto il piatto.

Suggerimenti

Un passaggio essenziale, per la giusta riuscita della ricetta, è che le verdure siano ben cotte. In questo modo quando andrete a frullarle non rischierete che rimangano dei pezzi interi che potrebbero essere sgradevoli al palato, ma la vellutata sarà ben uniforme e cremosa. Qualsiasi ingrediente deciderete di unire alla lessatura delle zucchine, assicuratevi che i tempi di cottura corrispondano, e in caso contrario iniziate prima o dopo a cuocere gli altri ortaggi, così che poi tutti gli ingredienti abbiano la stessa cottura.

Un altro consiglio utile è quello di assicurarvi che le verdure frullate non siano ancora troppo calde prima di unirvi il composto di tuorli d'uovo e panna, perché alle alte temperature l'uovo potrebbe cuocersi, mentre in questo caso non deve formare grumi ma unire tutta la vellutata rendendola omogenea. Se necessario quindi aspettate qualche minuto prima di unire i due composti.

Questa versione della vellutata di zucchine è semplice da realizzare ma particolare e come avete potuto vedere possono esserci molte varianti con cui cucinarla. Se non volete utilizzare la panna, potete contare sulle patate come ingrediente in grado di donarvi la consistenza giusta per una vellutata. Mettete a soffriggere in una casseruola con olio extravergine d’oliva, prima la cipolla e poi una patata sbucciata e tagliata a tocchetti: più sono piccoli i tocchetti più sarà veloce la cottura. Poi aggiungete gusto con sale e pepe. Bagnate con del brodo vegetale o poca acqua e in pochi minuti e senza troppe difficoltà avrete ottenuto un’ottima base per la vostra vellutata.

A questo punto unite le zucchine oppure, se volete sperimentare ricette alternative, altre verdure di stagione: carote, cavoli, pomodoro o anche erbe aromatiche come il basilico. Con un frullatore a immersione frullate il tutto direttamente nella pentola e fate ridurre nel caso vi sia ancora troppa acqua. Accompagnate le vellutate e le zuppe sempre con dei cubetti di pane abbrustolito per renderle tutte più golose.

Curiosità

Le zucchine sono piante che appartengono alla famiglia delle cucurbitacee: questo nome così particolare indica in sanscrito il fatto che le piante di questa famiglia tendono ad avere uno sviluppo intrecciato. Alle cucurbitacee, infatti, appartengono anche la pianta della zucca, il cui fusto spesso si attorciglia su sé stesso, ma anche il cetriolo, il cocomero e il melone.

Queste piante sono arrivate in Europa circa nel XVI secolo, dopo la scoperta dell'America, da dove vennero importate e si diffusero molto rapidamente in tutto il continente. Oggi le zucchine costituiscono uno degli ortaggi più diffusi negli orti domestici e si possono trovare in ogni supermercato con facilità.

Ne esistono diverse varietà, tra cui la più diffusa in Europa è quella della zucchina lunga, caratterizzata da una buccia di colore verde scuro. In Italia sono famose anche la variante dello Zucchino Fiorentino, dalla buccia striata e scanalata, Zucchino Romanesco, dalla buccia più chiara e quello Siciliano, ancora più chiaro.

Esistono poi le zucchine tonde, che si caratterizzano per la forma e sono di solito di colore verde. In cucina vengono spesso utilizzate per ricette in cui utilizzare ripieni, di verdure o di carne. Una ricetta sfiziosa da cucinare con questo tipo di zucchina per esempio può essere quella di svuotarla, riempirla con finocchi e besciamella, completare con una manciata di parmigiano grattugiato per far poi gratinare in forno.

Molto particolari invece sono le zucchine patissone, che hanno una forma molto particolare che ricorda quella dei fiori, con al centro una parte tondeggiante e i bordi che ricordano i petali. Possono essere di vari colori, come gialle, arancioni, verdi o bianche. Hanno un sapore piuttosto deciso, che si differenzia dalle altre tipologie di zucchine e può ricordare quello del carciofo.

Esistono poi le cosiddette zucchine eccentriche, che sono tutte quelle zucchine dalla forma particolare che non possono essere accomunate alle altre.