Yogurt GalbaniPresenta

Schiacciata alla fiorentina

Ricetta creata da Galbani
Schiacciata alla fiorentina
Prova con
Yogurt Intero
Yogurt Intero
Vota
Media0

Presentazione

La schiacciata alla fiorentina è un dolce tipico della città di Firenze. Questo è un dolce della tradizione toscana, dalla caratteristica forma rettangolare o quadrata. Di solito viene servito spolverizzandone la superficie di zucchero a velo e tagliato a striscioline. Questo dolce viene tipicamente preparato in occasione del Carnevale, ma è perfetto tutto l’anno come merenda per i vostri bambini* o per una dolce colazione.

La preparazione della schiacciata è molto semplice. Una volta pronta, questa si presenterà come una torta molto soffice e morbida, dato che andremo a inserire dello Yogurt Intero Galbani nell'impasto.

Ciò che rende unico questo dolce di Carnevale è proprio la sua semplicità: è una torta casalinga semplice da preparare ma dal gusto travolgente. Negli anni ne sono comparse nuove versioni più fantasiose, con crema o panna montata: provatele tutte!

La tradizione vuole che la schiacciata alla fiorentina venga decorata con una spolverizzata di zucchero a velo che riproduca, sulla superficie, il giglio bottonato. Se preferite, però, potete sostituirlo con del cacao amaro in polvere o della granella colorata, per una decorazione d'effetto!

Abbiamo, inoltre, scelto di aromatizzarla con il sapore dell’arancia, di cui utilizzeremo sia il succo che la scorza. Perciò vi consigliamo di impiegare un frutto non trattato e biologico.

Un dolce semplice per tutte le occasioni: provate la ricetta della nostra schiacciata alla fiorentina.

*sopra i tre anni

Facile
6
60 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

  1. 200 g di farina
  2. 120 g di zucchero
  3. 2 uova
  4. 1 vasetto da 125 g di Yogurt Intero Galbani
  5. 50 ml di olio extravergine d'oliva
  6. 1 arancia
  7. 1 bustina di lievito vanigliato
  8. zucchero a velo

Preparazione

La schiacciata alla fiorentina è una torta morbida, semplice e casalinga, dal gusto delicato e aromatico. Seguite la ricetta!

01

Cominciate a preparare la vostra schiacciata alla fiorentina lavorando con uno sbattitore le uova con lo zucchero, fino a ottenere un composto molto spumoso (maggiore sarà la lavorazione, maggiore sarà la morbidezza della schiacciata).

02

Continuate a lavorare gli ingredienti, aggiungendo lo Yogurt Intero Galbani, l'olio e il succo d'arancia.

03

A questo punto incorporate la farina setacciata, il lievito e la scorza d'arancia grattugiata. Continuate la lavorazione fino a ottenere un impasto omogeneo e senza grumi.

04

Versate l'impasto in una teglia foderata di carta forno e cuocete a 180° per 20 minuti.

05

Verificate la cottura della schiacciata infilando uno stecchino nell'impasto: se questo risulta asciutto, allora la cottura è terminata, altrimenti proseguitela per altri 5 minuti.

06

Lasciate raffreddare la vostra schiacciata alla fiorentina e servitela con una spolverizzata di zucchero a velo.

Varianti

La ricetta della schiacciata fiorentina è uno dei pilastri della pasticcieria della tradizione toscana. Nonostante la tradizione, però, nel tempo si sono diffuse molte varianti di questo dolce di Carnevale nella regione Toscana e in tutt'Italia.

Una variante ripiena di questo dolce è la schiacciata fiorentina con panna. Per prepararla, vi basterà preparare secondo la ricetta tipica la schiacciata fiorentina e, una volta cotta, tagliarla in due con un coltello dalla lama lunga. A questo punto farcitela di panna montata fatta in casa da voi o comprata già pronta. In ogni caso, il risultato sarà cremoso e unico!

Se non amate la panna, però, potete sostituire questo ripieno con altri di vostro gusto: marmellata, miele, crema al cioccolato... spazio alla fantasia per una torta dal gusto speciale!

Per gli amanti della frutta, una variante gustosa e particolare è quella della schiacciata con l'uva. In questo dolce, il colore viola del chicco si mescola all'impasto per un dolce scenografico e irresistibile.

Il gusto di questo dolce con l'uva è leggermente aspro ed è l'ideale per chi non ama i dolci troppo zuccherosi. Durante i periodi autunnali di vendemmia è una vera protagonista delle tavole toscane!

Se amate la frutta dovete provare anche la versione della schiacciata fiorentina con le mele: tagliatele a pezzettini e versatele nell'impasto. Tenetene qualcuna per la decorazione finale e il risultato sarà dolce, morbido e fruttato.

Un'altra variante gustosa è la schiacciata fiorentina con crema di Ricotta Santa Lucia e fragole. Preparate la schiacciata fiorentina secondo la ricetta che vi abbiamo consigliato e, mentre cuoce, preparate la crema. Lavorate la ricotta con due cucchiai di zucchero a velo con le fruste elettriche; nel frattempo, montate la panna liquida con altri due cucchiai di zucchero a velo e unite le due creme, fino ad ottenerne una compatta. Lavate le fragole, pulitele, asciugatele e tagliatele a piccoli pezzi. Quando la torta è pronta, estraetela dal forno e tagliatela a metà: spalmate uno strato abbondante di crema, posizionandovi anche alcuni pezzetti di fragole. Richiudete la torta e decoratela con altre fragole e zucchero a velo.

Suggerimenti

Se preferite un gusto più aspro, potete sostituire l'arancia con il limone e usarne buccia e succo.

Per decorarla con il famoso giglio fiorentino, basterà cercare in internet un'immagine del giglio, stamparla e ritagliarla in modo che, una volta appoggiata sulla torta, la spolverizzata dello zucchero a velo "colori" e riempia il simbolo. Lo si può fare sia con lo zucchero a velo che con il cacao: scegliete il vostro preferito!

Ricordate però di fare raffreddare bene il dolce prima di cospargerlo con il cacao o lo zucchero a velo altrimenti, se sarà ancora calda, rischierete di far sciogliere la vostra decorazione.

Un altro consiglio per una schiacciata perfetta è quello di non superare i 3 cm di altezza: da questo spessore, infatti, deriva il nome "schiacciata" ed è inoltre una garanzia della morbidezza della torta.

Per rispettare la tradizione vi consigliamo di cuocerla in una teglia rettangolare, va benissimo quella della pizza: in questo modo rispetterete l'altezza massima della torta e il vostro dolce sarà un vero protettore della cultura gastronomica toscana.

Per esaltare il sapore agrumato della torta, un pilastro di questo dolce, aggiungete all'impasto un pizzico di sale. Per aromatizzarla ulteriormente, potete usare il succo e la scorza di arancia oppure un pizzico di zafferano: questo darà al vostro dolce sia un delicato colore ocra, sia un sapore più deciso.

Se l'impasto vi risulta troppo duro, nonostante lo yogurt, aggiungete un cucchiaio di latte al vostro impasto. Al contrario, se vi sembra molto liquido e poco compatto, aggiungete una manciata di farina poco a poco.

Curiosità

La ricetta della schiacciata alla fiorentina è antichissima. Si narra che addirittura Pellegrino Arusi l'abbia citata in un suo libro con il nome di stiacciata unta, attribuendo la ricetta ad Antonio Mattei, un rinomato pasticcere della città di Prato di cui ancora oggi si narrano le abilità di pasticceria. Nell'opera si narra di una pagnotta dolce fatta nelle zone del Chianti. Questa lievitava a lungo e veniva ingrassata con lo strutto, che era frutto della lavorazione del maiale.

Nel Settecento pare che questo dolce si chiamasse anche "stiacciata delle murate", perché era prodotto dalle suore del Monastero delle Murate, in Via Ghibellina a Firenze. Quando il monastero venne chiuso, gli spazi delle suore vennero dedicati al carcere maschile cittadino: si narra che la schiacciata alla fiorentina fosse l'ultimo pasto dei condannati a morte.

Pare inoltre che la forma squadrata della Schiacciata sia frutto delle abitudini culinarie delle Suore di Santa Verdiana, che per comodità tendevano a prepararle in teglie di quella forma.

Nel tempo questo dolce si è evoluto e si è adattato ai gusti più sofisticati di oggi, aggiungendo nella sua ricetta l'uso del succo e della scorza di arancia e delle spezie.

Ogni anno, a Firenze, si tiene il concorso della migliore schiacciata fiorentina. 23 fette di 23 pasticcieri sono assaggiate da una giuria di tecnici, appassionati e addetti ai lavori a occhi chiusi.