certosaPresenta

Samosa

Ricetta creata da Galbani
Samosa
Prova con
Certosa 165g
Certosa 165g
Certosa. La crescenza dal gusto fresco e genuino.
Vota
Media0

Presentazione

I samosa sono dei fagottini fritti tipici della cucina indiana, realizzati con una farcitura di carne di manzo, di maiale o di pollo, arricchita da spezie, formaggio e verdure. Questa è la versione più sostanziosa e dei grandi eventi, mentre in genere si consumano con un ripieno di patate, piselli e altri ortaggi, proprio come in questa ricetta che vi presentiamo.

Si tratta di un piatto molto gustoso, tipico dell'India, che si prepara in occasione di feste e di cerimonie.
Nella farcia, vengono aggiunte spezie piccanti come curry,cumino, peperoncino, paprika e un trito di erbette aromatiche.

Oltre al formaggio di capra che spesso non è facilmente reperibile, noi di Galbani vi consigliamo di incorporare anche una noce generosa di Certosa Galbani che conferirà quella consistenza cremosa e piacevole.

Di seguito, tutti gli ingredienti e i consigli Galbani per realizzare i celebri fagottini samosa e portare in tavola una piccante nota di Medio Oriente, magari in occasione di una festa a tema o di un aperitivo sfizioso con gli amici.

Media
10
80 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

  • una confezione di Certosa Galbani;
  • 500 g di farina;
  • 1l di olio per friggere;
  • 50 ml di olio extravergine d'oliva;
  • 400 ml di acqua;
  • una presa di sale;
  • 4 patate a pasta gialla;
  • 100 g di pisellini primavera;
  • una cipolla bianca;
  • 200 g di anacardi;
  • mezzo peperoncino appena colto;
  • mezzo cucchiaino di cumino;
  • mezzo cucchiaino di peperoncino in polvere;
  • mezzo cucchiaino di curcuma;
  • 4 spicchi d'aglio;
  • una grattugiata di radice di zenzero;
  • sale e pepe q.b;

Preparazione

Se volete arricchire un buffet in tema indiano, i fagottini fritti samosa sono davvero prelibati e invitanti, resi ancora più speciali da un tocco di CertosaGalbani. Di seguito, ecco tutti i passaggi per realizzarli in casa in modo semplice e divertente, così da coinvolgere gli amici o i vostri bambini*.

01

La prima cosa da fare è preparare l'impasto. Unite in una ciotola la farina assieme all'acqua, quindi cominciate a impastare con le mani, pizzicando con le punte delle dita. Aggiungete anche un pizzico di sale. Impastate con cura e in modo energico, fino a raggiungere una consistenza liscia, uniforme e omogenea. Coprite con un canovaccio e lasciate riposare.

02

Sbucciate e tagliate a fette le patate, quindi mettetele in una ciotola con acqua fredda, in modo che spurghino il loro amido in eccesso. Cambiate l'acqua almeno tre volte: quando sarà chiara e trasparente, potete lessarle in abbondante acqua bollente e salata.

03

Mondate la cipolla a fettine, quindi tritate gli anacardi con il coltello, a pezzi grossolani.

04

In una padella unite un filo d'olio extravergine d'oliva e fate rosolare tutti gli ingredienti della farcia, a partire dal peperoncino. Unite le cipolle, le patate e i pisellini primavera. Fate cuocere a fuoco lento e cominciate a schiacciare con i rebbi di una forchetta. Incorporate anche la Certosa Galbani e gli anacardi che daranno una nota croccante sotto ai denti.

05

Riprendete l'impasto e stendetelo con l'aiuto di un mattarello. Ricavate, con l'aiuto di un coppa-pasta o di un bicchiere, dei cerchi, che saranno l'involucro dei vostri samosa. Ponete al centro la farcia di patate e verdure e spolverizzate sopra le spezie.

06

Chiudeteli come se fossero dei ravioli, avvolgendoli su sé stessi prima in due lembi e poi in quattro, pizzicando con le punte delle dita in modo che la pasta sigilli per bene il ripieno all'interno. Spennellate con un po' di olio extravergine d'oliva.

Tuffate nell'olio di semi bollente i vostri fagottini e friggeteli finché non avranno ottenuto un colore dorato, quasi marroncino. Una volta pronti, scolateli aiutandovi con una schiumarola e serviteli ancora ben caldi. Una vera delizia!

Varianti

I samosa sono un piatto tipico dell'India che può essere presentato in varie versioni differenti, a partire dalla pasta dell'involucro. In questa ricetta tipica e antica, vi abbiamo suggerito di realizzarla in casa con acqua, sale e farina, ma spesso i samosa vengono anche cucinati con la pasta fillo, per un risultato più croccante.
Dalla forma a cono o a raviolo, possono essere farciti con un'infinità di ingredienti differenti, come carne di manzo, di maiale o di pollo, carote, melanzane, peperoni gialli e rossi, ceci e frutta secca a volontà.

In questa versione noi di Galbani vi abbiamo presentato i samosa di verdure, ma in India e in tutto il Medio Oriente si caratterizzano per un ripieno di carne, anche di agnello, arricchita da formaggio di capra o dalla versione acidula con yogurt.

Suggerimenti

Per realizzare degli ottimi samosa, perfetti per una cena indiana e un appuntamento a due, ma anche per un aperitivo, potete seguire due strade: realizzare la pasta fatta in casa, oppure acquistare un pratico rotolo di pasta fillo.
Una volta srotolato, sovrapponete più sfoglie, facendo attenzione a bagnare le punte delle dita, e farcite con il ripieno qui proposto.

Vi consigliamo sempre di eliminare l'amido in eccesso dalle patate, e di lasciare raffreddare gli ingredienti prima di procedere al ripieno. In questo modo la pasta rimarrà umida ma non bagnata, pronta per essere tuffata in frittura.

Per servire al meglio i vostri samosa, potete realizzare un chutney di pomodorini datterini, oppure accompagnare i fagottini fritti con la tipica salsa raita allo yogurt e al prezzemolo, da spalmare sul pane indiano naan. In alternativa, serviteli accompagnati con l'hummus di ceci e con il babaganoush, la crema alle melanzane. I samosa sono degli ottimi finger food che porteranno in tavola tutto il gusto e il sapore del Medio Oriente: con un tocco cremoso di Ricotta o di Certosa Galbani (e non esagerando con le spezie piccanti) saranno perfetti anche per i vostri bambini*!

*sopra i 3 anni

Curiosità

I samosa fanno parte del cibo da strada, del cosiddetto street food, e sono una preparazione tipica non solo dell'India, ma dello Sri Lanka e di tutto il Medio Oriente. In genere, si mangiano con una farcia di verdure e di patate lessate, intinti nelle salse più prelibate e accompagnati da bevande del posto.

Ora un po' di curiosità: i samosa, il cui termine antico è sambusak, risalgono al X secolo e si differenziano per differenti formati. Il triangolo è tipico dell'India, mentre in altre regioni mediorientali si preparano anche a forma di cono, oppure di raviolo e di mezzaluna.

I samosa sono tipicamente fritti nell'olio di semi di arachidi, come vuole la cucina indiana, ma si possono realizzare al forno come si fa in Occidente: una preparazione di sicuro meno sostanziosa, ma sicuramente più elaborata. La pasta di farina o quella fillo, infatti, in forno tendono a seccarsi e il ripieno rischia di uscire dai bordi: se non siete dei veri intenditori, meglio scegliere il procedimento tipico, con la frittura.

Scopri di più