certosaPresenta

Plumcake salato agli asparagi e Certosino

Ricetta creata da Galbani
Plumcake salato agli asparagi e Certosino
Certosino. La piccola crescenza di Galbani.
Vota
Media0

Presentazione

Buono, semplice e veloce, il plumcake salato è quello che vi serve per rendere più allegra la vostra cena tra amici. Con il suo gusto a metà tra dolce e salato, questo sfizioso piatto è diventato molto amato dagli italiani .

Più famoso di quello salato è la versione dolce . Nei Paesi anglofoni il plumcake indica un dessert di origine tedesca fatto con le prugne, plum infatti significa prugna ed è un dolce molto simili alle crostate. In Italia invece si considerano plumcake dei dolci lievitati.

Anche per la versione salata serve il lievito ma soprattutto, per la versione che vi proponiamo, serve il Certosino, il parmigiano grattugiato, olio e uova e un mazzetto di asparagi freschi. Il risultato sarà davvero goloso e particolare!

La bellezza di questa ricetta italiana sta nell'ampia possibilità di adattarlo ai vostri gusti e a ciò che avete a disposizione : più è saporito, meglio sarà! Con verdure o senza, con salumi o formaggi il plumcake salato è veramente sfizioso e ottimo anche per una merenda con gli amici o in famiglia. Se già fatto a fette o a pezzettini, inoltre, può diventare un ottimo finger food da presentare per aperitivi e cene a buffet con gli amici: non solo sarà gustoso, ma i suoi colori daranno anche un tocco di allegria alle vostre tavole.

Il plumcake salato sarà il piatto più fantasioso che metterete in tavola, scoprite gli altri ingredienti del plumcake leggendo la ricetta che vi proponiamo. Si inizia!

Facile
6
60 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

  1. 200 g di farina 00
  2. 160 g di Certosino
  3. un mazzetto di asparagi
  4. 3 uova
  5. 30 ml di olio extravergine di oliva
  6. 30 g di parmigiano grattugiato
  7. 3/4 di bustina di lievito per torte salate
  8. sale e pepe

Preparazione

Preparare il plumcake salato è molto semplice e veloce. Seguite la ricetta facile e veloce!

01

Per cominciare eliminate le parti legnose degli asparagi, lavateli e fateli cuocere in acqua salata per circa 15 minuti, possibilmente in posizione verticale.

Step 1
02

In una terrina sgusciate le uova, aggiungetevi il parmigiano, la il Certosino, il sale, il pepe e mescolate con cura. Versatevi a pioggia la farina miscelata con il lievito per torte salate e per ultimo mettete anche l’olio.

Step 2
03

In uno stampo da plumcake mettete qualche cucchiaio di composto poi adagiatevi distesi alcuni asparagi.

Step 3
04

Continuate a strati, alternando l'impasto del plumcake con gli asparagi e rifinite con il composto rimanente. Così facendo avrete un bellissimo effetto: una volta tagliato il plumcake si presenterà internamente a “pois”.

Step 4
05

Cuocete in forno a 170°-180° per circa 35-40 minuti facendo la prova dello stecchino per verificare la cottura del plumcake salato.
Servite il vostro plumcake salato tiepido.

Varianti

Una gustosa variante di questo plumcake è quello di zucchine: il sapore dolce di questa verdura e la morbidezza del Galbanino lo renderanno irresistibile per tutti, anche per i bambini*. Ideale sia per gli antipasti che per i secondi piatti, questa ricetta dal gusto leggero sarà perfetta per una cena veloce senza rinunciare al gusto.

Per una versione adatta a chi preferisce diete senza uova, il plumcake salato senza uova è perfetto: è una preparazione semplice e d'effetto e la presenza del Galbanino lo renderà filante e delizioso!

Il vostro originale plumcake salato può essere arricchito di tutti gli ingredienti che più vi piacciono. Per delle ricette di verdure , aggiungete all'impasto piselli, peperoni grigliati, patate o spinaci lessi: i colori saranno ancora più coinvolgenti e il risultato sarà davvero goloso!

Se invece preferite le verdure autunnali , provate a realizzare il vostro plumcake salato aggiungendo alla crescenza dei cubetti di zucca già sbollentati (o di altre verdure di stagione): per un effetto ancora più "arancione" potete frullare alcune carote ben pulite direttamente nell'impasto, che renderanno il plumcake ancora più colorato , una volta pronto.

Per una versione mediterranea di questa ricetta, potete modificare gli ingredienti in modo da usare pomodori secchi e olive nere, assicurandovi che quest'ultime siano ben denocciolate. Un plumcake salato del genere è perfetto per essere tagliato a fette e accompagnare taglieri di salumi e formaggi (anche al posto del pane), servito come antipasto oppure in un menù a buffet , magari insieme a dei simpatici muffin salati.

Per gli amanti dei salumi, aggiungete all'impasto dei pezzetti di Prosciutto Cotto Galbacotto : il colore rosa darà un effetto speciale alla vostra preparazione "a pois" e il suo gusto, dolce ma coinvolgente, non passerà inosservato. Potete sostituire il prosciutto con qualsiasi salume di vostro gusto o con pancetta o guanciale, per una versione ancora più croccante.

Se amate i formaggi più saporiti, provate a sostituire il Galbanino con della scamorza a fette o a fiammiferi: il sapore affumicato si sposa bene con la dolcezza degli asparagi. Per una versione cremosa, aggiungete del formaggio spalmabile sopra il plumcake, a fiocchetti: l'effetto scenico e il gusto sono assicurati!

Per gli amanti del pesce, provate la versione con il salmone : una volta scoperta non potrete più tornare indietro! Saporita e allo stesso tempo leggera, il plumcake o la torta salata con il salmone, se arricchita con la Ricotta Santa Lucia, dà vita a una preparazione elegante, cremosa ed adatta a tutti gli amanti del pesce.

Per una versione più croccante , aggiungete all'impasto delle noci tritate.

* sopra i 3 anni

Suggerimenti

Il plumcake dovrebbe essere cotto in una teglia rettangolare, che gli conferisca la tipica forma a tronchetto. Tuttavia, se non avete questo tegame, potete optare per uno stampo da plumcake in silicone: assicuratevi di prolungare di qualche minuto la cottura e il risultato sarà perfetto!

Riempite la teglia o lo stampo in silicone per i suoi 3/4, non fino all'orlo: in questo modo garantirete al vostro piatto una lievitazione abbondante durante la cottura in forno.

Quando versate l'impasto, non livellatelo con una spatola o un cucchiaio ma mantenete le imperfezioni così come sono. Così facendo, l'aria incorporata durante la lavorazione dell'impasto rimarrà trattenuta dal plumcake e la lievitazione sarà ad hoc.

Per un plumcake morbido e croccante sulla superficie, mantenete il forno a una temperatura non troppo elevata, ma restate su circa 180° gradi.

Non aprite troppe volte lo sportello del forno per controllare la cottura del vostro delizioso plumcake: rischiereste di abbassare la temperatura di cottura e di prolungare, quindi, i tempi!

Prima di estrarlo dal forno lasciatelo intiepidire, a forno spento, per una mezz'ora. In questo modo vi assicurerete sia che non collassi su sé stesso, a causa dello sbalzo di temperatura, sia che sia non troppo caldo al momento di servirlo a tavola.

Per un plumcake ancora più morbido, prima di versare a pioggia la farina setacciatela con un colino a maglia fine: otterrete una farina più facile da lavorare, senza grumi, che darà vita a un plumcake soffice e goloso senza fatica.

Per una decorazione speciale, tenete alcuni asparagi fuori dal plumcake e adagiateli sopra il preparato prima di infornarlo.

Il plumcake salato è inoltre una soluzione versatile e d'impatto , perfetta sia per una colazione salata, sia per un brunch domenicale.

 

Curiosità

Il termine "plumcake" è ormai diffuso in tutto il mondo. In Italia non viene tradotto ma, se volessimo farlo, sarebbe: "torta di prugne". In realtà, storicamente la parola "plum" indicava non solo le prugne ma anche l'uva passa e la frutta essiccata. Questa preparazione infatti, nella sua versione dolce è conosciuta in Inghilterra sin dal Settecento: stava a indicare una torta di frutta con uvetta o ribes.

Il nome che veniva usato, per questo dolce, in Inghilterra era anche "pound cake". Questo nome è simbolo della semplicità di questa ricetta: un pound, infatti, è una quantità che corrisponde circa a 450 grammi. La pound cake, quindi, si formava con un pound di ogni ingrediente della ricetta: di zucchero, di farina, di uova e di burro.

In Germania, invece, in passato si chiamava "pflaumenkuchen", cioè torta alle prugne. La sua particolarità, che la differenzia dal plumcake che conosciamo oggi, era la consistenza: croccante e saporito, infatti, aveva come base la pasta frolla e i pezzi di frutta incorporati. Quindi più vicina ad una crostata di prugne che ad una torta morbida e fragrante.

In Polonia, invece, il plumcake è una vera e propria torta di prugne, come l'etimologia consiglia.

In Francia non esiste il plumcake così come lo conosciamo noi, ma è diffusa la "quatre quart", una torta il cui nome indica proprio che viene preparata con la stessa dose dei suoi quattro ingredienti, così come la sorella d'oltremanica..

Nella sua versione salata, invece, pare che sia nata in Germania come un piatto di carne, cotta nel vino, condito con delle prugne e delle spezie.