Santa LuciaPresenta

Pizza marinara

Ricetta creata da Galbani
Santa Lucia. Lo spirito creativo di Galbani.
Vota
Media0

Presentazione

La pizza marinara è una specialità che dall’Italia meridionale ha attraversato tutto lo Stivale per conquistare i palati di coloro che amano i sapori importanti ed evocativi di una preparazione con radici ben salde nella cucina partenopea.

La pizza marinara è un sottile strato di pasta condita con ingredienti semplicissimi: pomodoro, aglio, origano e olio extravergine d’oliva. Il panetto di pasta si stende in uno strato sottile e la cottura nel forno, a 200° circa, richiede solo pochi minuti.

Continuando a leggere, scoprirete come prepararla in casa, troverete consigli per realizzarla al meglio e anche qualche variante per interpretarla a modo vostro, in base a gusti e preferenze.

La pizza marinara è caratterizzata da un impasto leggero e da pochi ingredienti, che i vostri ospiti apprezzeranno morso dopo morso. Questa pizza è perfetta per un pranzo, per una gita fuori porta, ma anche come sfiziosa merenda salata: risultato garantito!

Gustatela sia calda sia tiepida, anche come antipasto o come aperitivo per allietare una serata di chiacchiere e di divertimenti. Questa pizza poi potrà essere arricchita con il formaggio che preferite, mozzarella di bufala oppure scaglie di formaggio stagionato o ancora impreziosita con altri ingredienti di vostro gusto.

La sua preparazione facile la rende ideale anche per chi non si sente un pizzaiolo esperto, ma vuole stupire sempre con gusto.

Non vi resta che preparare tutto il necessario, allacciare il grembiule e iniziare a preparare questa tipica pizza napoletana. Si parte!

Facile
4
135 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

  • 1 kg di farina 0,
  • 8 g di lievito di birra,
  • 60 ml di olio extravergine d'oliva,
  • 600 ml di acqua,
  • sale fino q.b.,
  • 500 g di passata di pomodoro,
  • origano secco q.b.,
  • 4 spicchi d’aglio,
  • pepe nero q.b.

Preparazione

Preparare la pizza marinara è davvero semplice. Potrete farlo quando vorrete portare in tavola un antipasto sfizioso e servire la pizza con goloso accompagnamento, o quando vorrete una cena leggera senza rinunciare al gusto. Semplici e pochi passi e il gioco è fatto:

01

Versate la farina nella ciotola della planetaria; versate il lievito in una tazzina e aggiungetevi un po’ della vostra acqua. Mescolate e unite tutto alla farina, quindi cominciate ad azionare il robot con il gancio impastatore.

02

Mentre il gancio impasta, aggiungete la restante acqua a filo poco alla volta fino a quando l’impasto non la avrà assorbita completamente.

03

A questo punto, potete aggiungere il sale fino. Aspettate ancora un po’, quindi aggiungete anche l’olio extravergine d'oliva.

04

Una volta che tutti gli ingredienti sembrano ben amalgamati, spegnete la planetaria e staccate la pasta dal gancio, trasferitela su una spianatoia infarinata e modellatela pirlandola delicatamente con le mani; mettete l’impasto in una ciotola capiente copritelo con la pellicola trasparente e fatelo riposare in un luogo asciutto per circe 3 ore, fino a quando abbia raddoppiato il suo volume.

05

Trascorso il tempo necessario alla lievitazione, prendete l’impasto e dividetelo in quattro parti uguali, stendete leggermente le pizze con il matterello su un piano infarinato, quindi trasferitele nelle teglie precedentemente unte d’olio e continuate a stenderlo con le mani fino a ricoprire l’intera superficie. Lavorate la base della pizza facendo pressione con le dita e per un cornicione alto e soffice non toccate i bordi.

06

Procedete al condimento distribuendo su tutta la pizza la passata di pomodoro, stendete con un movimento dal centro verso l'esterno, poi l’aglio tagliato a fettine sottile, una generosa spolverizzata di origano, un pizzico di sale e pepe nero macinato al momento. Infornate a 200° per 10-15 minuti, sfornatela e gustatela subito.

Varianti

La semplicità della pizza alla marinara si presta a tantissime varianti che la vedono protagonista di ricette sempre diverse che potete realizzare in base ai vostri gusti e alle vostre preferenze.

Se siete amanti delle ricette vegetariane veloci, potete arricchire la vostra pizza marinara con tantissimi ingredienti. In base a ciò che più vi piace o in base alla stagionalità di verdure e ortaggi, potete realizzare delle farciture diverse con cui ricoprire questa pizza così semplice ma così gustosa. E se non riuscite a non cedere alla golosità di un morso filante, concedetevi l'aggiunta della Mozzarella Cucina Santa Lucia Galbani.

Se amate i peperoni dovete sapere che il loro sapore si sposa benissimo con quello dell’aglio, grande protagonista della pizza marinara. Sarà quindi semplicissimo abbinarli tra loro per una variante della pizza marinara veramente indovinata. Potete preparare dei peperoni arrostiti e utilizzarli sia come contorno di un secondi piatti estivi, sia come condimento per la pizza.

Un'altra variante vegetariana potrebbe essere con le zucchine grigliate al forno oppure con le melanzane. Il loro gusto deciso e delicato allo stesso tempo permetterà un mix di sapori davvero unico nei palati.

Se amate gli ortaggi, la pizza farcita con i carciofi sarà buonissima come cena sfiziosa, veloce e leggera. Anche con l’aggiunta di gustosi filetti di alici, la marinara saprà dare grandi soddisfazioni.

Per gli amanti degli insaccati, prosciutto cotto, salame e speck potranno fare la differenza. Se utilizzate lo speck, però, ricordatevi di aggiungerlo solo a fine cottura perché altrimenti potrebbe rovinarsi e alterare il gusto della pizza.

Una variante sfiziosa potrebbe essere con la salsiccia. Privatela prima del suo budello e rosolatela appena in padella, poi aggiungetela sulla superficie della pizza e terminate la cottura in forno.

Se sapete come fare il pesto alla genovese in casa, potete prepararlo e aggiungerne qualche cucchiaino alla base della pizza. Anche in questo caso, dato che l’aglio è tra i protagonisti di entrambe le ricette, l’abbinamento sarà particolarmente indovinato. Questa preparazione sarà perfetta per portare in tavola qualcosa di veramente sfizioso durante una cena estiva in terrazzo con gli amici.

Provate anche a impreziosire la superficie della pizza con olive nere o verdi e con i capperi, il loro abbinamento la renderà ancora più gustosa. Provate anche con i pomodori tagliati a dadini, in alternativa alla passata, oppure con l'aggiunta di formaggi saporiti come la scamorza affumicata o la provola. Per un tocco in più in tutte le vostre preparazioni decorate con qualche foglia di basilico fresco oppure con una generosa spolverizzata di origano.

Non vi resta ora che scegliere la variante che preferite e realizzare la perfetta pizza fatta in casa. Liberate la fantasia e divertitevi!

Suggerimenti

Per preparare l’impasto della vostra pizza marinara, potete sia impastare a mano sia utilizzare una planetaria se avete poco tempo e dovete preparare anche altre pietanze. Ad esempio, se state organizzando il buffet di una festa di compleanno e siete intenti a preparare anche altre pizze, focacce ripiene, stuzzichini e dessert, la planetaria sarà molto utile. Se invece potete dedicarvi solo alla vostra pizza, impastare a mano sarà un momento piacevole e rilassante.

Tuttavia, sia che decidiate di utilizzare la planetaria, sia che preferiate impastare a mano, ricordatevi che per ottenere un composto omogeneo e liscio dovete procedere all’aggiunta dell’acqua molto lentamente e aspettare ogni volta che la farina la abbia assorbita per bene prima di aggiungere l’altra. Questo aiuterà la trama glutinica a formarsi per bene e quindi a ottenere una perfetta lievitazione.

Dopo la prima lievitazione in cui l’impasto riposa per circa tre ore, potete dividerlo e lasciare che le palline di pasta ricavate riposino ancora per un’altra ora. Questo procedimento in più permetterà all’impasto di lievitare ancora un po’ e di risultare più leggero.

Se volete realizzare una pizza marinara non troppo sottile e desiderate ottenere un impasto più soffice, potete aggiungere anche la farina 00. Su 1 kg di impasto, dovrete quindi mescolare 800 g di farina 0 e 200 g di farina 00 che aiuterà la pasta a risultare più alta e più soffice.

Quando utilizzate il lievito di birra fatelo prima sciogliere con 50 ml di acqua, un pizzico di zucchero e due cucchiai di farina. Aggiungete poi gli altri ingredienti e ricordate di unire il sale in ultimo per impedire che si leghi al lievito e comprometta la lievitazione.

Un'altra idea potrebbe essere utilizzare il lievito madre. In questo caso rinfrescatelo almeno 4 ore prima e quando lo stendete utilizzate la tecnica delle tre pieghe, per rinforzarlo.

Un'altra possibilità per l'impasto, più originale, potrebbe essere quella di un impasto con lo strutto. Unite in questo caso farina 0, farina 00, acqua lievito di birra, strutto e un pizzico di sale. Utilizzate lo strutto a temperatura ambiente, lasciate poi lievitare per 5 ore circa a forno spento e luce accesa. Stendete con le mani o con l'aiuto del mattarello e poi farcite la vostra pizza marinara.

Provate anche a cambiare le farine per la realizzazione di questa pizza. Con grano saraceno, per un sapore rustico, con farina di riso o di mais se volete una preparazione senza glutine, con farina di cereali per un gusto deciso.

Vi consigliamo di utilizzare sempre la passata di pomodoro e mai i pelati che contengono molta acqua e rischierebbero di bagnare troppo l’impasto rovinandolo.

Potete preparare la passata di pomodoro a casa, facendo cuocere i pomodorini per circa 40 minuti e passandoli poi in un passaverdure dalle maglie fini. Mettetela poi in una ciotolina e aggiungete sale, olio extravergine d'oliva e origano. Per una passata più ricca spezzettate anche delle acciughe e unite dell'aglio, sarà una farcitura perfetta per la vostra marinara.

Per ottenere una pizza marinara davvero sfiziosa, vista la semplicità dei suoi ingredienti, è importante che questi siano buoni e di qualità. Scegliete dunque con cura l’olio, prendete un origano secco molto profumato e affettate sempre molto sottilmente l’aglio.

Un ultimo piccolo consiglio sulla fase di cottura: sistemate la teglia sull'ultimo ripiano in basso e cuocete alla temperatura massima 200 o 250°. Se avete un forno ventilato riducete la temperatura di 20°.

Curiosità

La semplicità di questa pizza è pari solo alla sua bontà, ma dietro questa semplicità vi è una vera e propria storia gastronomica che parla del Sud Italia. La pizza marinara si chiama così, infatti, non per via dei suoi ingredienti, ma perché è una pizza napoletana inventata dai marinai che erano sempre alla ricerca di preparazioni da realizzare con materie prime semplici e che si conservassero a lungo e che fossero adatte per le loro lunghe navigazioni. La pizza marinara infatti, insieme alla pizza margherita e al calzone ripieno è tra le pizze più famose della cucina partenopea.

La pizza marinara napoletana ha una base molto sottile, quasi trasparente, e un bordo alto e soffice. In altre zone d’Italia però, dove la pizza marinara è arrivata ad arricchire le tavole e i menu, è possibile gustarla più spessa e corposa.

Tagliata a fettine sottili, la pizza marinara si trova spesso sulle tavole insieme al pane per accompagnare altre pietanze. Spesso preparata anche tra gli antipasti o gli aperitivi, è sempre una preparazione sfiziosa e facile da preparare.

Dovete sapere che lo strato di pomodoro da stendere su questa pizza non deve essere abbondante: dovrete infatti riempire un cucchiaio di passata e distribuirlo uniformemente a cerchi concentrici sulla superficie della pizza. Dovrà risultarne un velo che non appesantisca l’impasto.

Altro ingrediente protagonista della pizza marinara è l'aglio. Questo ortaggio è diffuso ormai in tutto il mondo tanto che in moltissime zone cresce spontaneamente. L'aglio è conosciuto sin dai tempi degli antichi Sumeri ed Egizi e un tempo era usato come pianta medicinale o come pianta rituale.

Di aglio ne esistono due tipi principali: quello bianco e quello rosa, ma nel 2004 in Corea, secondo le fonti, è stato inventato l'aglio nero, ottenuto facendo fermentare le teste d'aglio a temperatura e umidità controllate per circa 30 giorni.

L'aglio in cucina è utilizzato in moltissime preparazioni, per insaporire i sughi o la carne e per arricchire golosi primi piatti come questa pizza marinara o gli spaghetti aglio olio e peperoncino.