Santa LuciaPresenta

Piadina con piselli

Ricetta creata da Galbani
Santa Lucia. Lo spirito creativo di Galbani.
Vota
Media0

Presentazione

La piadina romagnola non è soltanto una specialità regionale ma un vero e proprio must della cucina italiana. Da cibo povero, alternativa al pane, questo piatto ha conquistato tutte le cucine ed è impossibile non averne mai assaggiata una e non aver trovato il proprio gusto preferito. Sono tantissime le piadinerie e i chioschi che preparano questo squisito street food in tutto il paese, secondo tradizione o sperimentando nuove ricette.

Estremamente versatili le piadine possono essere farcite come meglio si crede: con salumi, formaggi, verdure di ogni tipo e salse. Perfette per passare una spensierata serata in famiglia o per condividere un momento speciale e sfizioso con i propri amici. Non resta dunque che imparare a prepararle a casa! La preparazione è facile, richiedendo pochi e semplici ingredienti, e con qualche consiglio riuscirete a cucinare delle piadine perfette.

Nella ricetta proposta oggi, abbiamo deciso di optare per un abbinamento veramente gustoso: piselli, prosciutto crudo e ovviamente Santa Lucia Fette alla Mozzarella che donerà alle vostre piadine un incredibile cuore filante. Ideale per tutti, grandi e piccini*, sorprenderà la vostra tavola. Ma non è finita qui, leggete tutte le varianti che abbiamo pensato per voi e realizzerete un piatto sempre diverso.

Media
6
50 minuti
60 minuti di riposo
Vota
Media0

Ingredienti

Per l'impasto:

  • 500 g di farina 00
  • 125 g di strutto
  • 170 ml di acqua
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • sale q.b.

Per il ripieno:

  • 300 g di piselli
  • 240 g di Santa Lucia Fette alla Mozzarella Galbani
  • 200 g di prosciutto crudo
  • sale q.b.
  • olio evo q.b.

Preparazione

Non vedete l'ora di assaggiare questa piadina? Ecco a voi i passaggi per realizzarla

01

Iniziamo con l'impasto. In una ciotola unite la farina, il sale, lo strutto e il bicarbonato. Cominciate a mescolare il tutto versando l'acqua in tre volte. Spostate il composto su di un piano da lavoro e lavoratelo fino a che non avrete un impasto omogeneo. Fatelo riposare per 30 minuti avvolto nella pellicola. Formate un salsicciotto e dividetelo formando sei palline, fatele riposare per altri 30 minuti.

02

Nel frattempo passate a preparare il ripieno. In un'altra pentola antiaderente cuocete i piselli con un filo d'olio evo e un pizzico di sale e se preferite una spruzzata di pepe. Cuocete per circa 20 minuti, fino a quando non avranno raggiunto una buona consistenza e mettete da parte.

03

Una volta pronte le palline di pasta, aiutandovi con un mattarello, stendetele fino a uno spessore di circa 3 centimetri e un diametro di 20. Non vi resta che cuocerle ora. Scaldate una padella antiaderente bassa e cuocete le piadine un paio di minuti per lato, ruotandole continuamente fino a che la superficie non risulti leggermente croccante. Una volta dorate togliete le piadine dalla padella, sono pronte per essere farcite!

 

04

Disponente sulla piadina le Santa Lucia Fette alla Mozzarella e al centro qualche cucchiaio di piselli, stendete infine le fette di prosciutto crudo e chiudete le piadine. Servitele ben calde!

Varianti

Non c'è davvero limite alle varianti di piadine possibili, lasciatevi andare alla fantasia ora che sapete come prepararle a mano. Potrete organizzare un party a base di piadine e soddisfare i gusti di tutti i vostri amici e familiari. Un paio di ricette più ricercate da provare la prossima volta: piadina con battuto di manzo e purea di peperoni in agrodolce e piadina asparagi, uova e semi di papavero, entrambe innovative e supergustose.

E se amate i piselli ecco qualche suggerimento su come impiegare questo alimento in maniera particolare. Con tonno, pomodorini e piselli avrete un ripieno perfetto per l'estate, da gustare in riva al mare o durante un picnic all'aperto. Un altro modo per inserire i piselli nelle piadine? Realizzando una delicata crema di piselli, vediamo come: bollite i piselli, fateli raffreddare e passateli con un mixer aggiungendo dell'olio evo, sale e pepe. Versate la vostra crema sulla piadina e condite a piacere.

Potete inoltre utilizzare della farina di piselli per realizzare l'impasto delle piadine; otterrete della colorate e saporite piadine verdi che daranno un tocco estetico in più al vostro piatto. Farcitele con salmone affumicato e Certosa Galbani, per una variante raffinata. Ovviamente potete impiegare altri tipi di farine, integrali o sempre a base di legumi, ceci o lenticchie.

Un'alternativa particolare, infine, è la "piadipizza": condite una piadina con salsa di pomodoro, olio, sale, un pizzico di origano e la mozzarella a fette. Cuocetela al forno fino a quando non raggiunge la giusta croccantezza e gustatevi una pizza, rapida da realizzare, fragrante e delicata.

Suggerimenti

Con qualche dritta diventerete dei veri e propri chef della piadina! Ad esempio, in questa ricetta viene utilizzato il bicarbonato che rende l'impatto più morbido, ma se volete un risultato ancora più soffice vi consigliamo di sostituirlo con mezzo lievito di birra o di variare una parte di acqua con del latte.

Se avete intenzione di realizzare una ricetta adatta ai vegetariani potete sostituire lo strutto con 50 ml di olio extravergine di oliva, per delle piadine ancora più delicate. E per il ripieno: potete accompagnare la dolcezza dei piselli e della Mozzarella Santa Lucia con delle patate leggermente scottate e servire le piadine con della semplice insalata fresca decorata con carote alla julienne. Ovviamente potete modificare anche l'impasto, adoperando farine integrali o ai cereali, per donare alle vostre piadine fragranza e un gusto più rustico, e farine di mais o di riso per un composto dal gusto più leggero e adatto a tutti coloro che devono seguire una dieta priva di glutine.

Non avete a disposizione una padella adatta o avete già il forno in caldo per un'altra ricetta e volete approfittarne? Nessun problema, potete cuocere le vostre piadine anche al forno, a 180° per circa 10 minuti prestando attenzione alla cottura. Per dei consigli specifici consultate la nostra pagina su come fare la piadina.

Consigli

 

 

Curiosità

La piadina romagnola è un prodotto IGP (Indicazione geografica protetta) che ha radice antichissime e che da cibo semplice è diventato emblema di un'intera cultura culinaria e prodotto di largo consumo.

Si ritiene che già gli Etruschi dell'area romagnola preparassero un sostituto del pane di forma circolare simile alla piadina. I medievali poi, per svincolarsi dalla tassazione sul grano, cominciarono a prepararle con i cereali poveri continuando a tenere viva questa usanza. L'utilizzo del nome "piadina" è dovuto invece a Giovanni Pascoli, il quale italianizzò la parola dialettale "piè" utilizzata in precedenza. Ma sono tanti i presunti collegamenti etimologici: potrebbe derivare dal greco "platokis" (focaccia), dal nome di una preparazione abruzzese simile, il "fiadone", oppure, infine, dall'asse di legno dove si lavorano i prodotti da forno, la "piàdena".

Oggi esistono un'infinità di ristoranti che servono piadine squisite , ricercate e farcite con materie prime di alta qualità, facendo di questo piatto un modo gustoso per combinare i sapori delle nostre terre.

Un'altra ricetta romagnola viene spesso confusa con la piadina, il Crescione, il quale non è nient'altro che una piadina farcita prima della cottura e chiusa lungo i bordi a mo' di calzone. Il nome deriva dall'omonima pianta aromatica, molto utilizzata in regione. Appartenenti ad un'altra tradizione gastronomica, questa volta messicana, anche le tortillas possono sembrare in apparenza simili alle piadine, ma se ne differenziano sia per consistenza che per sapore.

* sopra i 3 anni