certosaPresenta

Piadina con stracchino e paté d'oliva

Ricetta creata da Galbani
Piadina con stracchino e paté d'oliva
Prova con
Certosa 165g
Certosa 165g
Certosa. La crescenza dal gusto fresco e genuino.
Vota
Media0

Presentazione

La piadina romagnola è passata dall'essere un piatto della cucina rustica e campagnola ad essere un vero e proprio emblema e cavallo di battaglia della gastronomia italiana. La piadina di solito è accompagnata da un ripieno di salumi e formaggi golosi, appartenenti ai nostri territori. Si tratta di un piatto facile e veloce a cui è davvero impossibile rinunciare, infatti si presta ad assecondare i gusti davvero di tutti: dai più grandi ai più piccini*.

Anticamente la piadina veniva realizzata con acqua, farina, sale, lievito e olio d'oliva o strutto per sostituire il pane e veniva consumata anche vuota. Oggi siamo abituati a usare le piadine già pronte e ad accompagnarla a ripieni deliziosi.

Così la piadina è diventata un piatto pratico e veloce, perfetto per tutte le occasioni in cui si ha poco tempo ma non si vuole rinunciare ad un piatto goloso e stuzzicante. Oggi vi proponiamo una ricetta golosa di antipasti con piadina: la piadina con la Certosa Classica, al prosciutto cotto e paté di olive. Un connubio di sapori che vi conquisterà già dal primo morso!

 *sopra i 3 anni

Facile
4
10 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

  1. 2 piadine
  2. 1 confezione di Certosa Classica 230g
  3. 100 g di prosciutto cotto Galbacotto 
  4. 2 cucchiai di paté d'oliva

Preparazione

La piadina ripiena di salumi con del formaggio e un po' di verdure, è davvero deliziosa. Protagonista indiscussa di parecchi pranzi estivi, gustare una piadina farcita rappresenta la soluzione perfetta per pranzare, una volta rientrati in casa dopo essere stati al mare, ma è perfetta anche come antipasto. Non solo: c’è chi la gusta al pomeriggio, per una merenda salata diversa dal solito, e chi durante una serata fuori casa.

Cosa c’è di più intrigante in cui affondare i denti in una fragrante sfoglia ripiena di deliziosi ingredienti?

01

Stendere sulle piadine la Certosa Classica e due fette di prosciutto cotto Galbacotto.

02

Aggiungere qualche ciuffetto di patè d'oliva.

03

Arrotolare il tutto e metterlo per 5 minuti in forno caldo a 160°.

04

Togliere dal forno e tagliare in obliquo la piadina, fissando ogni rondella con uno stecchino. È davvero l’ideale come antipasto, stuzzichino e finger food.

Varianti

Uno dei più tipici ripieni per antipasti con piadina è sicuramente il prosciutto crudo e lo squacquerone, un formaggio fresco e cremoso tipico della regione dell'Emilia-Romagna. Ad accompagnare questo gustoso ripieno solitamente si aggiunge anche della rucola, che con la sua nota piccante, completa alla perfezione un ripieno davvero sfizioso.

Preferite invece un tocco di freschezza? Aggiungete anche qualche fetta di pomodoro con delle delicate foglie di lattuga. Ovviamente non dimenticate qualche salsa per insaporire come: maionese o guacamole, sbizzarritevi!

Un'altra buonissima variante per le piadine, in grado di mettere tutti d’accordo, è quello con mozzarella e prosciutto cotto. Il sapore sarà sempre delizioso, ma più delicato, perfettamente adatto a tutti i palati più difficili. Per rendere la mozzarella ancora più filante, potete introdurla nella piadina quando sarà ancora calda. Come nella variante precedente potete completare a piacere con dei pomodorini tagliati a fette e dell’origano per insaporire.

Tra le varianti non possono mancare delle alternative di ricette adatte ai vegetariani, perfette quelle con verdure grigliate e stracchino. Infatti sono adatti tutti i formaggi a pasta molle, deliziosi ad esempio con zucchine e melanzane cotte alla griglia. Non dimenticate di condire le verdure con aglio, olio e prezzemolo. Per completare il tutto aggiungete anche una spolverizzata di pepe nero macinato e arrotolate il tutto.

Se amate invece i gusti più decisi, ci sono delle varianti gustosissime che prevedono i peperoni, o i pomodori gratinati, per un risultato gourmet. In quanto al formaggio, in questo caso potete utilizzare del brie o della crescenza, l’abbinamento sarà davvero irresistibile.

Per gli amanti del pesce c’è la piadina perfetta: il salmone affumicato è sicuramente uno degli ingredienti più pratici a cui si possa ricorrere. Per smorzare un po’ il suo sapore deciso, ci si può abbinare del cremoso formaggio spalmabile.

Non tralasciate poi le versioni dolci, scegliendo tra marmellate, cioccolato fuso, panna e frutta fresca, deliziose!

Suggerimenti

La piadina può risultare un pranzo o una cena pratica e dal gusto leggero, ma tagliata a quadratini è perfetta anche per un antipasto. Nonostante ciò i pregi di una buona piadina vanno oltre la sua comodità.

Per un risultato perfetto bisogna sapere che la piadina si può anche realizzare in casa con pochi e semplici passaggi.

In Romagna la piadina è un piatto simbolo del territorio, dove la bontà delle materie prime fa da padrona. Dunque perché limitarsi ad acquistare le piadine già pronte, quando invece fatte in casa sono altrettanto semplici?

La ricetta della piadina prevede l’utilizzo della farina di grano tenero, ma se preferite potete utilizzare una farina integrale oppure quella di segale o di kamut.

La piadina romagnola non ha bisogno necessariamente del lievito. Ci sono ricette che lo includono mentre altre no, alcuni ad esempio preferiscono l’aggiunta di un pizzico di bicarbonato, che rende l’impasto della piadina ancora più morbido e fragrante.

Per amalgamare l’impasto ci vuole solamente l’aggiunta di acqua a temperatura ambiente. Ci sono alcune preparazioni in cui si utilizzano anche una parte di latte, è un modo per rendere la piadina ancora più soffice.

Ora vi manca solo dello strutto o dell’olio d’oliva da aggiungere all’impasto e la vostra piadina sarà pronta. Per ottenere un composto perfettamente liscio e omogeneo c’è una proporzione molto semplice da ricordare: ci vuole il doppio della farina rispetto alla quantità di acqua che utilizzerete.

Per la cottura utilizzate sempre una padella antiaderente, meglio se in ghisa e con i bordi piuttosto bassi, così da poterla girare più agilmente le vostre piadine fatte in casa!

Curiosità

La piadina ha solitamente l’aspetto di un disco piatto e omogeneo dal colore bianco, costellato di piccole macchie marroncine, dovute all’abbrustolimento in fase di cottura.

Una piadina perfetta ha una consistenza compatta, rigida e friabile, davvero ottima se viene consumata calda. Le piadine realizzate con olio d’oliva di solito sono più friabili, mentre lo strutto conferisce una maggiore elasticità all’impasto.

La piadina si realizza con farina di grano mista ad acqua e condita con sale. Come abbiamo detto un trucco è quello di aggiungere del latte, per una consistenza più morbida.

Questa ricetta, tipica della regione emiliana, è nata come un cibo povero ma oggi ha subito un enorme riscatto. Tuttavia, risulta davvero impossibile stabilire una derivazione precisa della piadina.

Pare che già gli Etruschi ne avessero una versione più basilare. Molto probabilmente per cuocerla si utilizzava una teggia, ovvero un piatto di terracotta che oggi è stato sostituito da una versione più moderna di metallo o pietra, il testo. Persino la radice del nome della piadina non è certissima. Un’ipotesi è che derivi da platokis, una parola greca che significava “focaccia”.

Per altri i suoi natali si ricollegano invece al pane azimo. "Pita" starebbe ad indicare un pezzetto di pane, e di fatti la pita greca assomiglia un po’ alla nostra piadina.

Qualunque sia la sua genesi, è una ricetta facile e veloce, proprio per questo si trova quasi ovunque. Si tratta di un piatto molto utilizzato anche per le feste, fiere, concerti, perfetto anche da gustare semplicemente passeggiando in compagnia.