Pasta matta

Ricetta creata da Galbani
Vota
Media0

Presentazione

Farina, acqua e olio sono degli ingredienti davvero importante per un gran numero di ricette: vari tipi di torta salata, sfiziosi vol-au-vent farciti o quiche al formaggio. Per non parlare delle portate dolci: lo strudel, tanto per menzionarne uno ben conosciuto, sarebbe impensabile da realizzare senza una l’impiego di semplici ingredienti e di una buona pasta a racchiudere un goloso ripieno!

Oggi vi proponiamo una ricetta dall’impasto elastico e versatile: la pasta matta! Si tratta di una preparazione di base molto simile alla pasta brisè ma realizzata senza l’impiego del burro, a cui va aggiunta una minima quantità di olio per renderla fragrante al punto giusto.

Ma come rendere questa preparazione particolare e ancora più godibile? Ebbene, se state cercando un modo per esaltare il gusto del vostro impasto, senza rinunciare alla sua consistenza croccante e sottile siete nel posto giusto: qui troverete ingredienti e procedimenti per realizzare una sfiziosa pasta matta.

Troverete inoltre tutti i consigli utili ad ottenere il risultato migliore, qualche trucco per rendere molto elastica la vostra pasta e delle varianti intelligenti per una pasta matta alternativa.

Media
6
35 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

  1. Acqua 130 g
  2. Farina di tipo 1 250g
  3. Olio EVO 30g
  4. Aceto di vino bianco 15g
  5. Sale fino 6g
  6. Timo qb

Preparazione

Per preparare la pasta matta si procede in modo simile alle istruzioni della ricetta originale. Ecco come realizzarla:

01

In una ciotola capiente, mescolate la farina con acqua, aceto, timo e sale fino a creare un impasto omogeneo.

02

Aggiungete poi l’olio, poco alla volta, in modo che venga ben assorbito dalla farina e continuate a impastare fino a quando il composto risulterà liscio e non appiccicoso.

03

Successivamente, chiudete il panetto in una pellicola trasparente per alimenti e lasciatelo riposare per 30-45 minuti a temperatura ambiente.

04

Trascorso il tempo di riposo, stendete il panetto su una spianatoia infarinata, con l’aiuto di un mattarello, fino ad ottenere la forma desiderata.

05

Cuocete in forno già caldo a 200° per 20 minuti circa.

Varianti golose**

Nella versione che vi abbiamo proposto è previsto l’utilizzo del solo olio d’oliva ma potete anche optare per l’olio di semi: particolarmente adatto è quello di semi di arachidi, ma potete utilizzare l’olio di semi di girasole o di mais; l’importante, come sempre, è che sia un prodotto di buona qualità.

Un’altra variante dolce è quella che prevede l’impiego della pasta matta per la realizzazione di un goloso strudel di mele. Immaginatevi le mele, i pinoli e l’uvetta passa avvolti in una fragrante pasta matta. Ma che bontà! Oppure, se avete voglia una variante salata e volete sorprendere i vostri commensali, perché non optare per realizzazione della pasta matta al vino che potrebbe diventare una base perfetta per preparare la base di una torta rustica dal sapore deciso e coinvolgente.

Per una variante aromatica, potete anche aggiungere qualche aroma a vostro piacere, come rosmarino o origano, oppure arricchirla con un trito di olive. Sentirete che sapore!

 

**Le varianti golose non rientrano nella preparazione della pasta matta per la rico-ricetta leggera: Torta salata di zucchine e ricotta

Curiosità

Le ricette con pasta matta che potete creare a partire da questa base sono davvero moltissime: date sfogo alla fantasia, componete farciture, riempite torte o arrotolate strudel.

Se avete la necessità di preparare la vostra pasta matta in anticipo, tenete a mente che il vostro impasto potrà essere conservato in frigo per un paio di giorni se avvolta accuratamente con la pellicola trasparente, che tratterà l’umidità necessaria evitando che l’impasto si secchi. 

Volete sapere qual è il trucco per rendere la pasta matta elastica? è il tempo di riposo! Dopo aver formato un panetto, ricordate sempre di avvolgerlo nella pellicola trasparente per alimenti e lasciate a riposo per mezz’ora circa. In alternativa potete utilizzare un recipiente leggermente unto, ricordandovi sempre di coprirlo per bene.