GalbaninoPresenta

Involtini di salmone

Ricetta creata da Galbani
Involtini di salmone
Prova con
Galbanino l'originale
Galbanino l'originale
Galbanino. Il tuo genio in cucina!
Vota
Media0

Presentazione

Semplici e d’effetto: gli involtini di salmone sono un antipasto o un secondo di pesce ideale per le cene a base di profumi di mare, per riempire il vostro buffet o per servire un finger food stuzzicante e appetitoso all’ora dell’aperitivo.

Questi raffinati rotolini, da servire nelle occasioni speciali oppure semplicemente da gustare per un pasto in famiglia, si preparano in poche, semplici mosse; hanno bisogno di una rapida cottura in forno e possono essere preparati in anticipo, in modo da averli sempre pronti sul piatto da portata.

Noi abbiamo trovato un ottimo equilibrio in una forma piccolina, ideale da servire come finger food, ma ovviamente possono essere realizzati più grandi ed essere serviti come una delle portate di un pasto festivo, in occasione della cena di Natale ad esempio, o di quella del Capodanno.

La freschezza e il gusto leggero di questo piatto, tuttavia, lo rendono perfetto anche per la stagione estiva, e ne fanno una pietanza molto gustosa anche nelle calde serate d’estate, magari al ritorno da una bella giornata in spiaggia. Scoprirete infatti che in questi involtini è racchiuso tutto il profumo del mare, i suoi sapori forti e decisi: sarà impossibile resistervi!

In questa pagina troverete la ricetta per preparare dei buonissimi involtini di salmone, con farcitura di Galbanino e gamberi bianchi, ideale per rendere più sofisticato il vostro menù di mare.

Media
4
40 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

  1. 8 fette di salmone fresco tagliato sottile
  2. 240 g di gamberi bianchi
  3. 120 g di pane grattugiato
  4. 125 g di Galbanino Galbani
  5. ½ bicchiere da cucina di olio
  6. 1 ciuffo di prezzemolo
  7. 2 pizzichi di pepe
  8. 2 pizzichi di sale
  9. 2 cucchiai di succo di limone
  10. ½ bicchiere da cucina di vino bianco

Preparazione

Stiamo per mostrarvi il procedimento per portare in tavola dei facili involtini di salmone al forno: provateli anche voi e riproponeteli ai vostri ospiti in occasione delle cene delle feste.

01

Per preparare gli involtini di salmone bisogna innanzitutto preparare l’impasto: bollite i gamberetti in acqua e olio e sgusciateli. Tagliateli in piccoli pezzi e riducete il Galbanino a dadini.

02

Mettete i due componenti in una terrina e mescolate con il pane grattugiato, l’olio, il limone, il sale, il pepe e il prezzemolo, fino ad ottenere un composto omogeneo.

03

Preparate l’involtino in questo modo: separate le fette di salmone e dividete l'impasto preparato in otto parti. Per ciascuna fetta di salmone, ponete al centro l'impasto ed avvolgete chiudendo con uno stecchino.

04

Disponete gli otto involtini in una teglia da forno, unta di olio. Bagnate con vino bianco. Riscaldate il forno a 150° e cuocete gli involtini per 10 minuti al massimo facendo attenzione che non si secchino.

05

Servite gli involtini di salmone caldi accompagnandoli con qualche foglia di insalata e pomodoro fresco. Se volete aromatizzare ulteriormente, aggiungete all'impasto il succo di mezza arancia.

Varianti

Gli involtini di salmone sono una preparazione molto golosa che si presta a diverse interpretazioni. Si possono preparare con fette di salmone affumicato oppure con il salmone fresco tagliato sottilmente a carpaccio: i primi avranno un sapore più deciso dato dall’affumicatura che conferisce un sapore davvero particolare, i secondi un sapore più delicato e naturale fedele al gusto proprio del salmone.

Gli involtini di salmone possono essere farciti con formaggi morbidi, come la robiola o il mascarpone aromatizzato con scalogno, erba cipollina e limone oltre che sale e pepe bianco. Provateli anche con un ripieno a base di ricotta: lavoratela a crema in una ciotola con l'ausilio di una forchetta insieme a olive denocciolate e capperi oppure insieme a una semplice porzione di spinaci, quindi spalmatela delicatamente sulle fettine di pesce.

Sono molto buoni anche riempiti come un consueto involtino, utilizzando formaggi a pasta filante (tipo scamorza o mozzarella) e crostacei per avere un piatto davvero raffinato e dal gusto molto ricercato. In questo caso, potete guarnirli con una manciata di semi di sesamo oppure con della granella di mandorle.

Gli involtini di salmone fresco possono essere consumati cotti al vapore o al forno, ma è possibile gustarli anche crudi se si opta per il salmone affumicato o il salmone marinato. Qualunque modo si scelga per prepararlo, questo piatto è facile e veloce, ricco di gusto e di sicuro effetto.

 

Suggerimenti

Realizzare gli involtini di salmone è molto semplice: si tratta infatti di una ricetta facilmente eseguibile da chiunque, anche da chi ha poca esperienza in cucina. Con qualche piccolo accorgimento e qualche consiglio, il risultato sarà impeccabile.

Per prima cosa, assicuratevi che il salmone sia freschissimo, specie se non utilizzate il salmone affumicato: controllate sempre la provenienza e l’affidabilità del pesce che acquistate e rivolgetevi sempre a rifornitori di fiducia.

Inoltre, per realizzare un buon involtino, dovrete assicurarvi che non sia apra in cottura: un buon trucco è quello di stendere finemente con un coltello un cucchiaio di formaggio spalmabile sulle fettine di salmone, prima di adagiarvi il ripieno; il formaggio spalmabile renderà infatti la superficie del salmone meno scivolosa, per cui sarà più semplice chiudere l’involtino.

Potete servire i vostri involtini su un letto di rucola e peperoni crudi tagliati alla julienne, oppure accompagnarli con una semplice insalata di pomodori condita con olio extravergine d'oliva e erbe aromatiche. Potete accompagnare questa ricetta anche con altre verdure: particolarmente indicati sono le zucchine, per via del loro sapore delicato, e gli asparagi, che si abbinano molto bene al sapore del salmone. Se volete rendere questo piatto ancora più gustoso, abbinatelo a una porzione di delicata salsa allo yogurt.

Curiosità

La variante al salmone è una delle migliori per realizzare la ricetta degli involtini, un vero cavallo di battaglia della cucina italiana (e non solo).

È inevitabile: il salmone è infatti uno dei pesci più amati per il suo sapore delicato e la sua consistenza tenera, oltre che per la sua versatilità in cucina, che lo rende protagonista di innumerevoli ricette.

Non tutti sono a conoscenza, però, che esistono molti tipi diversi di salmone, differenti tra loro non solo per via del sapore ma anche degli usi in cucina. Sia dall’oceano Atlantico, sia dall’oceano Pacifico, infatti, proviene la maggior parte del salmone d’importazione, ma si tratta di specie diverse, che si caratterizzano per gusto e proprietà differenti.

Una delle specie più diffuse in commercio è il salmone argentato, che deve il suo nome al colorito azzurrognolo che caratterizza le sue squame, ma che diventa presto rosso sui fianchi, e verde brillante su pinne e muso, non appena il pesce comincia a risalire i fiumi delle coste occidentali canadesi o statunitensi, luoghi d’elezione per la sua pesca.

Tipico dell’oceano Pacifico è anche il pregiato salmone reale, che si distingue per il colore rosso acceso delle sue carni.

Nell’oceano Atlantico si trova invece molto più frequentemente il comune salmone norvegese, quello più diffuso in commercio nel nostro Paese e il cui sapore ci è quindi più familiare. Molto vicini al salmone norvegese per gusto e consistenza delle carni sono il salmone scozzese e quello irlandese, che si trovano spesso affumicati.