GalbaninoPresenta

Fagottini allo speck

Ricetta creata da Galbani
Fagottini allo speck
Prova con
Galbanino l'originale
Galbanino l'originale
Galbanino. Il tuo genio in cucina!
Vota
Media0

Presentazione

Lo speck, con il suo sapore intenso e l'irresistibile aroma che gli deriva dall'affumicatura è un salume che potete usare non solo per preparare un bel piatto di affettati misti da servire come sfizioso antipasto o come finger food, ma anche per liberare la fantasia realizzando gustose ricette adatte da portare in tavola come primo o secondo piatto.

Siete alla ricerca di idee sempre nuove e sfiziose per dare un tocco di creatività ai vostri party o alle vostre serate con gli amici? La ricetta dei fagottini allo speck fa di sicuro al caso vostro.

Questi piccoli scrigni di pasta sfoglia ripieni di speck e Galbanino Originale hanno un aspetto, un profumo e un sapore al quale in pochi sapranno resistere.

In più, si preparano molto facilmente e in pochissimo tempo: dovrete solo tagliare lo speck a striscioline e il Galbanino Originale a cubetti e poi usarli per farcire dei rettangoli di pasta sfoglia che chiuderete per formare i fagottini e cuocerete in forno.

Il risultato sono degli stuzzichini super sfiziosi che renderanno ancora più allegro e invitante il vostro aperitivo e saranno il degno antipasto per un pranzo o una cena speciale.

Avete già l'acquolina in bocca e non vedete l'ora di assaggiarli?! Mettetevi subito all'opera! Seguendo attentamente la ricetta e tutti i nostri consigli non potrete sbagliare!

Facile
4
20 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

  • 1 rotolo di pasta sfoglia
  • 100 grammi di speck
  • 100 grammi di Galbanino l'Originale
  • 1 tuorlo d'uovo
  • 2 cucchiai di latte

Preparazione

La ricetta dei fagottini allo speck è davvero molto semplice da mettere in pratica:

01

Per prima cosa tagliate lo speck a striscioline larghe circa 1 cm e tagliate il Galbanino Originale a cubetti.

02

Srotolate il rotolo di pasta sfoglia sul piano di lavoro e dividete la pasta in tanti rettangoli aiutandovi con un coltello o una rotella.

03

Disponete al centro della metà di ognuno dei rettangoli che avete ricavato alcune striscioline di speck e qualche pezzo di Galbanino Originale.

04

Sbattete l'uovo in una ciotola insieme al latte e usatelo per spennellare leggermente i bordi di ogni rettangolo, poi ripiegate la metà di pasta sfoglia senza farcitura sopra quella farcita e premete bene tutti i lati per realizzare i fagottini.

05

Disponete tutti i fagottini dallo speck su una teglia ricoperta di carta forno, spennellateli con l'uovo sbattuto rimasto e cuoceteli nel forno preriscaldato a 180° per circa 20 minuti.

06

Una volta pronti, sfornate i fagottini allo speck e lasciateli riposare per 5 minuti prima di servirli.

Varianti

Di questa ricetta esistono numerose varianti. Alcune anche senza pasta sfoglia e senza cottura, come la ricetta dei rotoli speck e insalata ripieni di mozzarella. Oppure i fagottini allo speck con robiola e rucola. Stemperate in una ciotola 150 g di robiola e conditela con un mazzetto di rucola tritata, poco sale e una macinata di pepe. Usate questo ripieno per farcire 8 fettine di speck, poi chiudetele a pacchetto e legatele con dei fili di erba cipollina sbollentati.

Molto saporita è anche la ricetta dei fagottini allo speck con i funghi, ideale da portare in tavola nella stagione autunnale.

Per prepararla vi serviranno 180 g difunghi trifolati, che dovrete aggiungere agli altri condimenti e al ripieno di speck e Galbanino Originale. Se volete, potete anche sostituire lo speck con la pancetta.

Sempre nella stagione autunnale, potete provare a realizzare la ricetta dei fagottini allo speck con la zucca.

Srotolate la pasta sfoglia e dividetela in rettangoli, poi farcite la metà di ciascun rettangolo con alcuni cubetti di zucca e formaggio e due o tre striscioline di speck. Dopodiché spennellate i bordi con l'uovo sbattuto insieme al latte, ripiegate i rettangoli su sé stessi e sigillate per realizzare i fagottini. Disponeteli poi in una teglia, spennellateli con l'uovo sbattuto e cuoceteli nel forno preriscaldato a 180° per 20 minuti.

Consigli

Per realizzare dei fagottini allo speck davvero perfetti, estraete la pasta sfoglia dal frigo almeno mezz'ora prima di utilizzarla, così non si romperà mentre la srotolate.

Se il ripieno dei fagottini fuoriesce durante la cottura, potete provare a sigillare i bordi con i rebbi di una forchetta, per evitare futuri incidenti.

Potete anche bucare leggermente la parte superiore di ogni involtino con uno stuzzicadenti, così che l'aria possa uscire e non li faccia gonfiare troppo, scoppiandoli.

Se non amate particolarmente l'uovo, o non avete uova a disposizione, potete spennellare la superficie dei fagottini con un po' di latte perché diventi dorata durante la cottura.

Volete rendere i fagottini allo speck ancora più sfiziosi? Allora provate a spargere sulla loro superficie, prima di infornarli, dei semi di papavero.

Oppure, se vi sentite particolarmente coraggiosi, provate a realizzare dei rettangoli di sfoglia leggermente più larghi e a dare loro la forma di una caramella, legando le estremità con dei fili di erba cipollinadopo averli cotti.

I fagottini allo speck diventano ancora più speciali se vengono accompagnati da una fonduta di formaggio.

Curiosità

Sembra che il nome dello speck derivi dal tedesco spec o spek, che significa spesso.

Questo salume, preparato con la carne di maiale, è tipico dell'Alto Adige. Si tratta di un prodotto nato dalla necessità delle famiglie contadine di conservare la carne anche durante i mesi invernali. Oggi è un prodotto d'eccellenza che si può gustare sia tal quale, sia impiegandolo per realizzare sfiziose ricette, come il risotto radicchio e speck o i tortellini panna e speck.

O come questa dei fagottini allo speck, che li vede abbinati alla pasta sfoglia. Una preparazione di base della cucina che veniva già realizzata ai tempi degli antichi Greci e Romani con l'olio al posto del burro. La pasta sfoglia che tutti conosciamo, invece, nacque in Francia nel 1700.

Questa preparazione deve il suo nome al fatto che, dopo aver realizzato l'impasto base e averci aggiunto il burro, esso viene ripiegato più volte su sé stesso per realizzare degli strati di sfoglia separati da aria che, in cottura, si gonfiano, donando alle pietanze preparate con la pasta sfoglia croccantezza e leggerezza.

Tra le ricette in cui la pasta sfoglia viene impiegata più spesso ci sono le torte salate, in cui viene usata come base per farciture di vario tipo, e anche le brioche, sia dolci che salate.

Scopri di più