GalbaninoPresenta

Carciofi ripieni alla siciliana

Ricetta creata da Galbani
Carciofi ripieni alla siciliana
Prova con
Galbanino l'originale
Galbanino l'originale
Galbanino. Il tuo genio in cucina!
Vota
Media0

Presentazione

I carciofi ripieni alla siciliana sono un piatto tipico dell'isola più grande del Mediterraneo. Il carciofo è una pianta molto antica portata in Sicilia dagli spagnoli nel XII secolo e da lì si è poi diffusa molto velocemente in tutta l'Italia.

Esistono varietà sia primaverili che autunnali e si distinguono in genere in due tipi: con le spine e senza. Grazie alla loro versatilità vengono utilizzati per antipasti, per primi piatti e ancora in torte salate o come contorno. In questa ricetta questo ortaggio viene farcito con pane, Galbani Grangusto Grattugiato, uvetta, pinoli e acciughe.

Grazie al Burro Santa Lucia e al Galbanino, questi ingredienti si amalgameranno alla perfezione e vi permetteranno di soddisfare tutti i commensali.

I carciofi ripieni alla siciliana in genere vengono serviti tiepidi ma anche freddi conservano il loro ottimo sapore, potete quindi prepararli anche il giorno prima senza rischiare sulla buona riuscita del pranzo o della cena.

Facile
4
100 minuti
Vota
Media0

Ingredienti

  1. 8 carciofi
  2. 270 g di Galbanino
  3. 230 g di pane grattugiato
  4. 50 g di Galbani Grangusto Grattugiato 
  5. 50 g di uvetta
  6. 50 g di pinoli
  7. 3 acciughe
  8. 50 g Burro Santa Lucia Galbani
  9. prezzemolo
  10. il succo di 1 limone
  11. 2 bicchieri di vino bianco
  12. sale e pepe q.b.
  13. olio extra vergine d'oliva

Preparazione

I carciofi ripieni alla siciliana sono un piatto semplice da preparare.

01

Iniziate con il pulire i carciofi; tagliate il gambo di ogni carciofo in modo che riescano a stare dritti nella pentola.

02

Lavateli e lasciateli in ammollo in acqua con succo di limone. Prendete adesso una ciotola e mescolate assieme il pangrattato, il Galbani Grangusto Grattugiato, l'uvetta, i pinoli, le acciughe, il prezzemolo e il Galbanino tagliato a cubetti molto piccoli. Aggiungete il sale e il pepe a vostro piacimento e mescolate per bene.

03

Scolate i carciofi, apriteli allargando bene le foglie fino al centro, quindi farcite i carciofi con il composto che avete ottenuto e aggiungete un fiocco di Burro Santa Lucia su ognuno di essi per mantenerli morbidi. In una teglia da forno, posizionate tutti i carciofi molto vicini e versate il vino bianco con l'aggiunta di sale e olio, coprite con carta stagnola e infornate a 180° in forno preriscaldato per 40 minuti.

04

Trascorso il tempo, togliete la stagnola e lasciate cuocere per altri 20 minuti. Lasciate intiepidire qualche minuto quindi servite i vostri carciofi ripieni alla siciliana, sono buoni anche freddi.

Varianti

Vi siete mai chiesti come cucinare i carciofi al forno in modo facile e delizioso? Questa è la ricetta perfetta per voi: un piatto saporito per un menù davvero appetitoso che potete personalizzare a vostro piacimento in modo sempre originale. Oltre ai carciofi al forno, la cucina italiana propone innumerevoli ricette a base di questo ortaggio.

Questi prodotti primaverili possono essere serviti come semplice contorno, accompagnati ad antipasti di pesce o carne, come il carpaccio di tonno o il pollo alla griglia. I carciofi possono essere anche i protagonisti di ricette ancora più raffinate: avete mai provato l’arrosto ripieno con i carciofi? Una vera bontà!

I carciofi, inoltre, possono anche essere utilizzati come ripieno per una gustosa frittata o per condire una deliziosa pasta al forno o un timballo di riso. Inoltre, sono buonissimi anche da soli, semplicemente cotti al forno. Per guarnire i carciofi al forno vi consigliamo mozzarella e pangrattato, ma potete sostituire la mozzarella con una gustosa provola affumicata. In alternativa utilizzate una generosa quantità di ricotta o besciamella, per ottenere un piatto cremoso.

A questi facili carciofi al forno, potete anche aggiungere altri condimenti come prosciutto o pancetta a dadini, pomodorini tagliati a metà o patate lesse. Provate un mix di olive nere e scaglie di mandorle. Per finire, cospargete generosamente con il gustoso Galbani Grangusto Grattugiato.

In alternativa, perché non tagliare i carciofi a spicchi e farli appassire in padella? Basterà far scaldare qualche cucchiaio di olio d'oliva con un paio di spicchi d'aglio schiacciati: adagiateci sopra i carciofi e fateli cuocere per circa 20 minuti con il coperchio, finché non risulteranno morbidi.

Potete rendere i carciofi ancora più buoni aromatizzandoli con erbe aromatiche a vostra scelta, come prezzemolo, rosmarino, timo o maggiorana, oppure aggiungendo del succo di limone. Cucinare con le spezie è un'ottima soluzione per questa preparazione: provate una spolverata di noce moscata, o di curry, che daranno alla ricetta molto carattere e un aroma inconfondibile.

Inoltre, è possibile cuocere anche altri tipi di verdure seguendo i passaggi di questa ricetta: provate a sostituire i carciofi, ad esempio, con i finocchi o le zucchine. Il risultato sarà altrettanto delizioso, e se avete ospiti che non prediligono i carciofi sarete in grado di accontentare i gusti di tutti.

Consigli

I carciofi si prestano a tante preparazioni: farciti, cotti al forno, stufati, sono sempre buonissimi. Potete anche sfruttarli per arricchire delle deliziose insalate, oppure per aggiungere sapore a salse o sughi. Sono perfetti anche fritti o come decorazione croccante per una deliziosa pizza.

Il primo passo per cuocere i carciofi e gustarli in pochi minuti è lavarli: eliminate la parte più fibrosa del gambo, le spine e le foglie esterne, poi tagliate a metà il carciofo ed eliminate i baffi interni. A questo punto metteteli in acqua fredda con del succo di limone per una decina di minuti e scolateli accuratamente prima di cuocerli. Foderate il fondo della teglia che utilizzerete con carta da forno, in modo che i carciofi non si attacchino durante la cottura, quindi infornate ad alta temperatura per velocizzare i tempi.

Per una gratinatura ancora più croccante, vi consigliamo di guarnire i carciofi con pangrattato e Galbani Grangusto Grattugiato, molto saporito e perfetto in ogni occasione. Per un effetto migliore unite questi ingredienti in una ciotola e distribuite il composto sui carciofi. Se avete un forno in modalità grill per cucinare, otterrete facilmente una deliziosa crosticina in superficie, provate!

Davvero squisite sono anche la torta salata di carciofi e galbanino, ottime come aperitivo o per godervi una pausa golosa insieme ai vostri amici. Un consiglio prezioso: se volete conservare i vostri carciofi metteteli sott'olio, così potrete gustarli tutto l'anno, sono buonissimi!

Curiosità

Foglie croccanti, un cuore che si scioglie in bocca, i carciofi piacciono proprio a tutti!

Sicuramente i carciofi più famosi sono quelli romani, apprezzati e amati da tutti, secondo una ricetta che ha delle origini antichissime. Infatti, la popolarità dei carciofi è merito proprio dei teneri carciofi alla romana, detti "mammola" o "cimarolo" per la loro quasi totale assenza di spine.

Sodi, rotondi e dal colore sfumato verso il viola, questi carciofi erano originariamente coltivati tra Cerveteri, Campagnano e Ladispoli, dove rimasero confinati per molto tempo negli orti domestici fino alla Prima guerra mondiale. Fu la riforma agraria ad ampliare la produzione dei carciofi fino alla provincia di Latina.

Nel 1950, in vista della stagione balneare, un piccolo gruppo di persone si riunì per inventare la Sagra del Carciofo alla Romana: un successo che attirò a Ladispoli non solo espositori, media e tanti turisti, ma aprì anche le porte alla grande distribuzione di carciofi. All'epoca esistevano solo due varietà: il "Castellammare" precoce e il "Campagnano".

Un'altra delle ricette più famose è il carciofo alla Giudia, imperdibile! Ma da qui poi sono state inventate tantissime varianti: torte salate di pasta sfoglia, pasta con i carciofi e tanti contorni diversi, tutte ricette da sperimentare e assaporare!