La pizza integrale è meno calorica? Tutta la verità

Rispetto ad anche solo pochi anni fa, nei supermercati c’è una maggiore varietà di farine ed è quindi molto più facile reperire la farina integrale. Questo perché la richiesta è salita vertiginosamente, non è più vista come una farina “per professionisti” o troppo particolare da essere consumata quotidianamente in casa, ma anzi è ora vista come una valida alternativa alla farina bianca, raffinata.

Il suo inconfondibile aspetto scuro e il gusto più spiccato rispetto alla farina 00 piace sempre a più persone, tanto che pasta integrale e cereali integrali (come il farro, l’orzo, l’avena) sono proposti in abbondanza su tutti gli scaffali, permettendo di realizzare ricette sfiziose, come la focaccia integrale o il pane integrale con lievito madre.

Più di una pizzeria si è adeguata, proponendo pizze con impasto integrale. Chi è interessato non solo al sapore della pizza, ma anche al suo apporto calorico, può chiedersi se l’impasto integrale sia una valida soluzione da inserire in una dieta ipocalorica. Vediamolo insieme.

Le calorie di una pizza integrale

Gli ingredienti base e la preparazione di una pizza integralenon differiscono da quelli di una pizza realizzata con farina bianca. Acqua, farina, sale e lievito (di birra o lievito madre) compongono l’impasto per pizza canonico.

Per quanto riguarda la lievitazione, è preferibile l’opzione della lunga lievitazione, per permettere alla maglia del glutine di lievitare e maturare correttamente e rendere così la vostra pizza fatta in casa più digeribile per il vostro stomaco e per un risultato croccante e gustoso.

Il contenuto calorico della farina integrale è 319 kCal, ma il discorso sulla nutrizione e i valori indicativi per una dieta va oltre questo semplice dato. Si deve infatti considerare quanto pesa una pizza, innanzitutto. In media il peso di una pizza oscilla tra i 300 e i 350 g, per un apporto calorico generale di circa 700 kCal. Come vedremo, inoltre, per la quantità di calorie molto dipende dal condimento che si va a scegliere per la propria pizza.

La pizza con farina integrale è più dietetica?

Quindi è preferibile mangiare una pizza con impasto integrale o una con farina bianca? Quale ha più calorie? Se come detto poc’anzi la farina integrale ha in media 319 kCal per 100 g, quella bianca ne contiene 340.

Il discorso non si ferma però al mero valore calorico: a livello di carboidrati e proteine il valore nutrizionale è equivalente, mentre quella integrale ha una quantità maggiore di sali minerali. Su un altro aspetto invece c’è molto più squilibrio.

La farina integrale è ricca di fibre, molto più di quella bianca. Su 100 g, quella integrale ne vanta 8,4 di fibre, contro solo 2,2 della farina 00. Quasi il quadruplo, il che porta certamente vantaggi e benefici (soprattutto la regolazione dell’intestino), ma va anche considerato che la dose giornaliera di fibre consigliata in una corretta alimentazione si aggira attorno ai 30 g. Se la pizza in media ha un peso di 300 g, consumare una pizza realizzata solo con farina integrale significa completare quasi del tutto l’apporto giornaliero di fibre.

La pizza con farina integrale ha quindi valori più fitness rispetto a quella bianca ed è potenzialmente un’alleata per il benessere dell'organismo, ma in termini non così importanti da renderla preferibile a priori.

L’importanza del condimento

L’attenzione va quindi spostata sul condimento. È facilmente intuibile che le quantità caloriche di una pizza marinara, di una pizza capricciosa, di una pizza vegetariana e una pizza quattro formaggidifferiscano sensibilmente l’una dall’altra.

Alimenti con un’alta quantità di grassi e in generale con nutrienti troppo carichi rovinano qualsiasi velleità dimagranti. Ad esempio, i salumi tendenzialmente renderebbero la nostra cena non molto leggera. Anche la mozzarella ha un contenuto di grassi importante, ma il problema è facilmente risolvibile: la Mozzarella Cucina Santa Lucia è l’accompagnamento ideale sulla superficie di una pizza dietetica, ne dà un gusto inconfondibile, rendendola buonissima e leggera al tempo stesso.

Se non cucinate o condite, le verdure sono invece un’alternativa valida da aggiungere in cottura, sia su una pizza rossa che bianca, così come le spezie.

Se insomma preferite prestare maggiore attenzione all'alimentazione, ma non volete comunque rinunciare alla tentazione di una buona pizza croccante, è bene scegliere ricette con una farcitura il più possibile semplice: una marinara, con la passata di pomodoro, aglio, origano e olio extravergine d'oliva, sa essere di un sapore impareggiabile.

Ci sono tante possibilità, non bisogna pensare che una pizza è buona solo se piena di ingredienti. Scegliete, quindi, la pizza che soddisfa al meglio le vostre esigenze di gusto!