Forme di pizza: la pizza non è solo tonda

Forme di pizza: la pizza non è solo tonda

Solitamente è una sfida a due, da una parte la pizza tonda, che trova nella pizza napoletana la versione più illustre, dall’altra la pizza in teglia, famosa soprattutto grazie alla pizza romana.

Ma le varianti sono potenzialmente infinite e potete creare tutte le forme di pizza che vi vengono in mente! L'impasto è malleabile per qualsiasi risultato. Mille idee per mille ricette. E tutto comodamente a casa.

In questo articolo vedremo quattro forme diverse che la pizza può assumere. Quattro proposte per dare un cambio di look al cibo per eccellenza della nostra cucina. Non solo spicchi e fette, vedrete che può assumere altre sembianze! La vostra pizza quattro stagioni sembrerà quasi un'altra pizza!

Come fare la pizza a forma di cuore

Ideale per San Valentino o comunque per ogni occasione in cui volete stupire e deliziare la vostra dolce metà, la pizza a forma di cuore è una versione di grande impatto, che vi farà fare un figurone ogni volta che la proporrete.

Realizzarla è inoltre semplicissimo. Dovete prima di tutto preparare l’impasto base, con gli ingredienti della pasta per pizze (farina, acqua, lievito, sale); quando l’impasto è maturato e lievitato, stendetelo su una teglia coperta di carta forno e dategli una forma tonda; dopodiché, prendete la parte più vicina a voi e allungatela, dandole una forma appuntita. Infine, con l’utilizzo di una rotella tagliapizza incidete la parte centrale superiore per un taglio di qualche centimetro e date con le mani alle due estremità forma arrotondata, in modo da ottenere un cuore perfetto. Condite, magari per ottenere una pizza vegetariana, infornate e aspettate che la mozzarella si sciolga e che la crosta sia dorata. Facilissimo!

Un'idea per rendere la vostra pizza a forma di cuore ancora più memorabile? Scegliete un condimento (come del formaggio o delle zucchine) e tagliatelo anch'esso a forma di cuore, o di stella. Per far ricordare alla persona amata quanto sia importante per voi. La crosta della pizza sarà croccante, ma il cuore sarà come il vostro: tenerissimo!

Come fare la pizza cono

Anche quella della pizza cono è un’idea particolare e semplice, dal risultato di grande effetto.

La procedura iniziale è sempre la solita, ovvero la preparazione dell’impasto base. Quando l’impasto è ben lievitato e maturato, preparate dei coni con la carta forno (o, in alternativa, degli stampi conici in metallo), ungeteli con olio e suddividete l’impasto in palline dallo stesso peso. Stendete le palline con l’aiuto di un mattarello e avvolgete la pasta lungo i coni. Infornate quindi in forno preriscaldato a 200° per circa 15 minuti.

E qui arriva la sua particolarità: la pizza cono può essere farcita come si vuole! Il ripieno lascia totale spazio al proprio gusto. Non solo il condimento a base di mozzarella, pomodoro e basilico, ma anche patate, prosciutto, verdure cotte e crude, formaggio. Potete realizzare una pizza gourmet a forma conica!

Come fare la pizza a portafoglio

La pizza a portafoglio è un’eccellenza del finger food. Presente da sempre a Napoli, dove la cottura avviene nel forno a legna come per la pizza normale, si è diffusa ormai ovunque.

La pizza a portafoglio non ha nulla di diverso rispetto a una qualsiasi pizza, la preparazione è la medesima, a cambiare sono la dimensione ridotta e il modo in cui viene piegata. Per avere una pizza a portafoglio, infatti, basta ripiegarla in quattro. La quantità è minore, ma la qualità è la medesima.

Considerata la particolare piega, solitamente la pizza a portafoglio viene venduta con poco condimento per evitare che cadano per terra pezzetti di cibo (si mangia in piedi, non sul piatto).

Quindi quando preparate la vostra golosa pizza ortolana o la vostra appetitosa pizza diavola con salame e peperoni in versione portafoglio ricordatevi di mettere il condimento nella giusta dose!

Come fare la pizza tramezzino

Ideale soluzione per i buffet, la pizza tramezzino è semplicissima da preparare e appetitosa da consumare.

Come farla? Detto fatto! Mescolate in una ciotola capiente olio, latte, lievito e, pian piano, la farina. Infine il sale. Capirete di avere mescolato bene gli ingredienti, quando avrete ottenuto un impasto piuttosto molle e omogeneo. Versate l'impasto in uno stampo rettangolare foderato con carta forno, coprite con pellicola e lasciate lievitare fino al raddoppio di volume.

Quindi accendete il forno, portatelo alla temperatura di 200° e infornate lo stampo per 30 minuti circa. Una volta cotto, lasciate raffreddare e tagliate prima a fette, poi a cubetti la vostra pizza tramezzino. Farcite dunque a piacimento, chiudendo il condimento appunto a tramezzino con due pezzi di pizza. Facile e buonissima!

Queste nostre semplici proposte non sono le uniche possibili forme che potete far assumere alla pizza. Potete divertirvi a cercarne sempre di nuove e trovare forme alternative alla pizza gorgonzola, alla pizza con farina di mais, o alla pizza kebab. La cucina è innanzitutto gioco!