Come fare la ciabatta di pane: consigli e idee golose

Il profumo del pane appena sfornato, con la sua fragranza inconfondibile e il suo aroma unico, è forse uno degli odori che più ci mette di buon umore, facendoci sentire sempre a casa. Ingredienti semplici come la farina, l’acqua e il lievito sono, infatti, in grado di dare vita a ricette e impasti sempre diversi, di mille forme e colori, ma comunque sempre buoni e pieni di sapore. Siamo spesso abituati a comprare il pane dal panettiere o al supermercato, dimenticandoci che fare il pane in casa è in realtà un’operazione molto semplice e, se eseguita correttamente, anche molto soddisfacente. In questa pagina vogliamo concentrarci su un tipo di pane in particolare, cioè la ciabatta, svelandovi tutti i trucchi e i segreti per realizzarla al meglio.

Iniziamo, per prima cosa, a cercare di capire di che varietà di pane stiamo parlando. La ciabatta è un tipo di pane italiano tipico del Veneto, caratterizzato da una crosta scura, una mollica ben alveolata e una croccantezza unica. È un pane con un alto contenuto di acqua, che rappresenta circa il 70% sul peso totale della farina, riconoscibile anche per la sua forma allungata. Gli ingredienti che compongono questo tipo di pane sono molto semplici e genuini: acqua, farina 00, farina Manitoba, malto, semola di grano duro e sale. Una delle sue particolarità, poi, è che viene realizzata utilizzando un metodo di lievitazione indiretto che, a differenza di quello diretto (nel quale tutti gli ingredienti vengono impastati insieme), prevede la preparazione di un pre-impasto, chiamato biga liquida o lievitino. La funzione di questo metodo è quella di far ottenere un impasto alto e ben alveolato e, di conseguenza, un pane leggero e digeribile.

Le origini della ciabatta sono abbastanza recenti: risalgono agli anni Ottanta e si devono ad Arnaldo Cavallari, cuoco che, prima di dedicarsi Alla panificazione, aveva perseguito la carriera di pilota di rally. Cavallari, sperimentando con gli impasti, inventò questo tipo di pane ad alta idratazione che riscosse successo non solo nella penisola italiana, ma anche in tutto il resto del mondo.

Continuate a leggere e scoprite con noi tutti i segreti per realizzare una ciabatta perfetta!

Preparare l’impasto del pane è un’operazione divertente, facile e gratificante, nonché un ottimo passatempo della domenica, soprattutto se in compagnia della famiglia o degli amici. Di base, esistono due metodi per lavorare il pane: a mano oppure con l’aiuto di un’impastatrice, utile a diminuire i tempi di lavorazione. Noi ci concentreremo sul primo metodo, sicuramente a portata di tutti e che richiama anche la cultura casalinga del fare il pane in famiglia. Se però avete in casa una planetaria, abbiamo stilato una guida apposta per voi su come usare la planetaria, che spiega proprio tutti i segreti e i trucchetti per utilizzare questa macchina nella preparazione di focacce, pane, pizze e dolci.

Per realizzare un impasto perfetto vi basterà seguire tutti gli accorgimenti che vi suggeriamo. Per una buona riuscita del pane, infatti, è importante rispettare i tempi di lievitazione e ricordarsi di coprire sempre l’impasto con la pellicola per alimenti, in modo da non farlo seccare. Non dimenticatevi, poi, di lasciar lievitare il pane in un luogo caldo e asciutto: l’ideale sarebbe il forno spento ma con la luce accesa. In ogni caso, cercate di tenerlo lontano da spifferi e correnti d’aria, perché il freddo e l’umidità inibiscono la lievitazione dell’impasto.

Anche quando si parla di cottura in forno è importante rispettare dei piccoli accorgimenti che ci assicurino un risultato ottimale. Uno di questi è sicuramente quello di cuocere il pane in forno statico e non ventilato: la modalità statica, infatti, assicura una cottura lenta che permette al pane (così come agli altri lievitati) di terminare il processo di lievitazione mentre si cuoce. Un’altra accortezza importante è quella di estrarre dal forno il pane non appena sarà cotto, disponendolo poi su una gratella: se lasciato sulla teglia foderata con carta da forno, infatti, il pane potrebbe perdere la sua croccantezza.

Questi suggerimenti valgono per qualsiasi tipo di pane, perciò se volete sperimentare con la panificazione vi suggeriamo di provare anche la nostra ricetta del pane integrale, dal gusto rustico e dal profumo intenso, o quella del pane con lievito madre a lunga lievitazione.

La ciabatta: dall’impasto alla cottura

Siete pronti a indossare il grembiule e mettere le mani in pasta? Allora iniziamo! Le dosi che vi proponiamo sono quelle per realizzare 10 ciabatte di medie dimensioni ma, a seconda delle vostre esigenze, potete raddoppiarle o dimezzarle. Come abbiamo accennato sopra, per realizzare delle ciabatte di pane dovremo ricorrere alla biga liquida, per cui serviranno i seguenti ingredienti: 200 g di farina Manitoba, 100 g di farina 00, 300 ml di acqua e 2 g di lievito di birra secco.

Iniziate il procedimento sciogliendo il lievito di birra in una ciotolina con poca acqua tiepida. In una ciotola capiente, poi, mescolate la farina Manitoba e la farina 00 setacciate, aggiungete il composto di lievito e acqua e poi, a filo, anche il resto dell’acqua. Mescolate il tutto con una spatola o un cucchiaio di legno finché non avrete ottenuto un composto morbido e omogeneo. Lasciate riposare il composto a temperatura ambiente coperto da pellicola per tre ore. Trascorso questo tempo, la biga liquida dovrebbe presentarsi come un impasto gonfio, pieno di bolle e dal colore un pochino più scuro.

Per la preparazione dell’impasto vero e proprio, poi, vi serviranno: 400 g di Farina Manitoba, 200 g di farina 00, 350 ml di acqua, 3 g di lievito di birra secco, 6 g di malto, 20 g di sale e q.b. di semola di grano duro rimacinata.

In una ciotolina con poca acqua sciogliete il lievito di birra e il malto. A parte setacciate la farina Manitoba e la farina 00 e mescolatele insieme. Riprendete il pre-impasto, versatevi il composto di acqua, lievito di birra e malto, dopodiché, alternandoli l’un l’altra, cominciate anche ad aggiungere anche le farine e l’acqua, mescolando con un cucchiaio. Unite anche il sale e poi cominciate a lavorare la pasta con le mani. Una volta che avrete amalgamato tutti gli ingredienti trasferite l’impasto su un piano da lavoro e iniziate a impastare energicamente per circa 10 minuti o comunque finché l’impasto non sarà liscio e omogeneo. A questo punto, trasferite il composto in una ciotola, coprite con pellicola e un canovaccio o un panno e lasciate riposare in un luogo caldo (con una temperatura che si aggira intorno ai 25°) per un’ora.

Trascorso il tempo di lievitazione, trasferite l’impasto su una spianatoia che avrete spolverizzato con semola di grano duro, cospargete anche la superficie dell’impasto con la semola e iniziate a dare le pieghe. Per fare le pieghe vi basterà prendere un lato dell’impasto con le mani e prima portarlo in avanti e poi piegarlo sull’altro lato. Ripetete quest’operazione con tutti i lati dell’impasto e poi dividetelo in 10 porzioni. Cospargete tutti i panetti di semola, girateli in modo che la parte del taglio sia rivolta verso l’alto, poi copriteli con la pellicola e lasciateli riposare per un’ora e mezza, o comunque finché non avranno raddoppiato il loro volume. Trascorso anche quest’ultimo tempo di lievitazione, i vostri filoncini sono pronti per essere infornati!

Trasferite, uno alla volta, i panetti su una teglia foderata con carta da forno che avrete già riscaldato per qualche minuto in forno. Prima di infornare, allungate i panetti con le mani tirandoli delicatamente (altrimenti perderanno i gas di lievitazione) e posizionate sul fondo del forno un contenitore d’acciaio colmo d’acqua: quest’operazione servirà a far si che il pane non si bruci all’esterno e rimanga crudo all’interno. Cuocete in forno statico preriscaldato a 240° per 8 minuti, dopodiché abbassate a 200° e proseguite la cottura per altri 8 minuti. Infine, fate cuocere per altri 3 minuti con il forno socchiuso (potete tenerlo leggermente aperto infilando un cucchiaio di legno nell’apertura): quest’ultimo passaggio è necessario per creare uno sfiato d’aria, favorire la doratura della crosta e rendere il pane piacevolmente croccante. La vostra ciabatta di pane è ora pronta per essere sfornata e servita a tavola!

Ciabatta di pane farcita: tante idee golose

Fragrante, croccante fuori e morbida all’interno, la ciabatta non è solo ottima per accompagnare i vostri, primi, secondi, contorni o piatti unici, ma è perfetta anche come panino farcito da gustare in ogni momento della vostra giornata. Qui di seguito vogliamo proporvi alcune idee sfiziose per farcire la vostra ciabatta e trasformarla in un pasto completo. Che sia per un pranzo al lavoro o un picnic fuori porta, una semplice merenda o un aperitivo in occasione delle feste, la ciabatta è un tipo di pane che si presta benissimo per essere arricchito con i più svariati ingredienti!

La prima idea che vi proponiamo è quella di farcire la vostra ciabatta con qualche foglia di lattuga, delle fette di pomodoro fresco, uno strato di prosciutto cotto e delle fettine di Galbanino. Oppure che ne dite di un ripieno a base di zucchine grigliate, foglioline di menta, Ricotta Santa Lucia e speck? O ancora, petto di tacchino alla griglia, crema di rucola e pomodorini. Per una variante vegetariana, poi, potete optare per una farcitura composta da melanzane grigliate, Mozzarella Santa Lucia, basilico, pomodoro fresco e scaglie di parmigiano. Se invece volete provare qualcosa di più raffinato, potete farcire la vostra ciabatta con pesto di pistacchi, mortadella, pomodori secchi e caprino. Insomma, le varianti possibili sono moltissime, il consiglio che vi diamo è quello di sbizzarrire la fantasia, variare il menù e provare sempre nuovi ripieni, anche in base alle verdure di stagione e alle conserve e a ciò che avete a disposizione nel frigorifero della vostra cucina.

Un’altra idea sfiziosa per dare ancora più gusto alla vostra ciabatta di pane è quella di arricchirla con delle olive. Vi basterà tagliare 200 g di olive denocciolate a fette sottili (vanno bene sia quelle verdi che quelle nere, a seconda della vostra preferenza), asciugarle dal liquido di conservazione con della carta da cucina e aggiungerle e amalgamarle all’impasto del pane prima di cominciare a dargli le pieghe e dividerlo in pezzi. La vostra ciabatta sarà ancora più piena di gusto, profumata e irresistibile!

Siete amanti dei panini e tutte queste idee vi hanno fatto venire l’acquolina in bocca? Allora scoprite anchele 10 migliori ricette di hamburger!